Campanaccio

Campanaccio

Descrizione

Categoria: attivitą agro-silvo-pastorali

Tipologia: campanaccio

Materia e tecnica: ferro (riscaldamento, forgiatura, saldatura a caldo); ferro (battacchio) (riscaldamento, forgiatura); ferro (cinghietto) (trafilatura, taglio)

Misure: 8 cm

Descrizione: L'oggetto, a sezione rettangolare e a tronco di piramide, č costituito da due lamine trapezoidali e piatte le cui estremitą sono piegate in modo da formare altre due facce laterali della medesima forma. Alla sommitą dell'oggetto sono stati praticati due fori nei quali sono state inserite le estremitą di un cinghietto piegato ad arco che proseguono all'interno della campana a formare un ulteriore cinghietto anch'esso piegato ad arco a cui č stato agganciato il battacchio per mezzo del ripiegamento dell'estremitą superiore. Per relizzare il battacchio č stato utilizzato un chiodo dalla capocchia piatta. Attorno al cinghietto esterno della campana č stato pił volte avvolto del filo di ferro. L'interno della campana č particolarmente sporco con una presenza massiccia di ragnatele

Notizie storico-critiche: G. Kezich, E. Eulisse, A. Mott (2002, p. 85) ci informano che i campanacci sono generalmente di ferro, di lamiera oppure di bronzo. Hanno diverse forme: a campana, a tronco di cono oppure a tronco di piramide e possono avere pareti piatte o panciute. Quelli di grandi dimensioni, originariamente prerogativa delle vacche "regine" o capo mandria, divennero con il tempo il premio dato ai bovini in occasione di mostre mercato. Il suono del campanaccio non č meno importante della forma e, in ogni acquisto, il contadino bada anche al fatto che sia armonico. Durante l'alpeggio il campanaccio permette ai pastori di rintracciare i capi che si allontanano dalla mandria nell'oscuritą o nella nebbia; nella stalla, permette di individuare subito gli animali irrequieti perchč in calore o affetti da qualche malattia.
Fonte di documentazione: 3

Collocazione

Vione (BS), Museo Etnografico dell'Alta Valle Camonica "'L Zuf"

Credits

Compilazione: Viola, Pamela (2007)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).