Abito

ambito brianzolo, bottega di sartoria

Abito

Descrizione

Ambito culturale: ambito brianzolo, bottega di sartoria, Lombardia

Cronologia: 1930 ca.

Categoria: attività artigianali

Tipologia: abito

Materia e tecnica: cady (taglio, cucitura); seta (taglio, cucitura, ricamo)

Misure: 122 cm

Descrizione: Abito elegante da donna per il pomeriggio in chiffon di seta e cady di colore nero e bianco, impreziosito da un ricamo che interessa scollatura e spalle realizzato con perline rotonde (diametro mm. 1) di colore bianco e rosso. Modello tagliato in vita con corpetto piatto e spalle ribassate. Le spalle e la scollatura arrotondata sono in chiffon di seta bianco, mentre il resto dell'abito è realizzato in cady nero. Questa particolarità è sottolineata dal motivo geometrico realizzato con perline disposte a formare una greca: di colore rosso sullo chiffon bianco, bianche sul cady nero. Le perline sono applicate fitte lungo la cucitura e rade verso l'esterno. Gonna in cady nero a linea piatta, leggermente svasata. Maniche tre/ quarti in cady nero con attaccatura bassa, arricciate sul polsino. Cintura (alta cm. 2,5 e lunga cm. 60) con fibbia composta da due parti: una in bachelite rossa e nera, l'altra in metallo e strass. Alla scollatura, sulla sinistra, è applicata una sciarpetta in seta

Notizie storico-critiche: L'abito fa parte di una donazione di circa ... pezzi della famiglia Sacconaghi. Si tratta di un documento di cultura materiale che testimonia le tradizioni di una famiglia borghese brianzola all'inizio del Novecento.
In particolare questo manufatto appartenne alla signora Pina Sacconaghi, nota pittrice monzese, prima presidente del Memb, appartenente ad una famiglia borghese che si occupava di tessitura (Tessitura Sacconaghi), producendo tessuti d'arredo.

Collocazione

Monza (MB), Museo Etnologico Monza e Brianza

Credits

Compilazione: Giacovelli, S./ Sorteni, A. (1997)

Aggiornamento: Riva, R. (2004)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).