Spianatoio per granaglie

ambito lodigiano

Spianatoio per granaglie

Descrizione

Ambito culturale: ambito lodigiano

Cronologia: XX secolo, prima metà

Categoria: attività agro-silvo-pastorali

Tipologia: spianatoio per granaglie

Materia e tecnica: legno (taglio, piallatura, foratura, inchiodatura); ferro (fusione, forgiatura, battitura)

Misure: 21 cm x 158 cm x 2 cm (asse principale); 150 cm x Ø 3.5 cm (manici anteriori)

Descrizione: L'attrezzo è composto da un'asse stretta e lunga, sopra la quale, in posizione centrale, è inchiodato un manico (cua) ricavato da un legno solo sbozzato, la cui parte terminale è obliqua ed è conformata per essere impugnata. Sopra l'asse, in posizione laterale, sono agganciati due altri lunghi manici mobili, ricavati da due bastoni lasciati grezzi.

Notizie storico-critiche: Lo spianatoio veniva usato per radunare le granaglie disposte sull'aia ad essiccare. Veniva manovrato da tre persone, uno che spingeva e due che tiravano, e consentiva di velocizzare il lavoro. Spesso questa attività era riservata ai ragazzi.

Collocazione

Sant'Angelo Lodigiano (LO), Museo Lombardo di Storia dell'Agricoltura

Credits

Compilazione: Forni, Giulia (1997)

Aggiornamento: Rizzi, Anna Maria (2020)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).