Stadera

Stadera

Descrizione

Categoria: attivitÓ agro-silvo-pastorali

Tipologia: stadera

Materia e tecnica: ferro (battitura, forgiatura)

Misure: 110 cm x 2 cm (stilo); 125 cm x 3 cm (stadera sospesa tramite uno dei ganci); 28 cm x Ø 8 cm (romano)

Descrizione: Stadera pesa sacchi. ╚ composta da un'asta orizzontale (stilo) graduata su due lati, il romano appeso attraverso un gancio piatto che ne indica il peso, due catene con gancio finale, pendenti dal fulcro, un gancio sulla parte superiore del fulcro e uno nella parte inferiore dello stesso. Un terzo gancio posizionato al centro del fulcro serviva per agganciare le derrate da pesare direttamente al fulcro, senza l'uso delle catene. La parte terminale dello stilo ha una forma a chiodo, la cui sporgenza serve per fermare lo scorrimento del romano. In prossimitÓ del fulcro lo stilo termina con una forma semilunata e reca impressi diversi punzoni delle verifiche metrologiche, ormai illeggibili.

Notizie storico-critiche: La stadera con ganci o catene e ganci serviva per pesare derrate che, nel caso delle granaglie, potevano essere raccolte in sacchi di juta. La doppia graduazione dello stilo e la posizione diversificata e calibrata dei ganci sul fulcro permettono di misurare pesi su due diverse scale di misura, in base al lato per cui la stadera veniva sospesa.
All'atto della produzione, la stadera veniva sottoposta alla verificazione prima, una comparazione dello strumento con strumenti di controllo, che attestava il rispetto dei requisiti definiti dalla norma. Successivamente avveniva la verificazione periodica (ogni anno o biennio), per controllare che non fossero intervenute modifiche. Ad ogni verificazione superata venivano apposti dei punzoni con date di validitÓ e bolli dell'autoritÓ preposta.
Questo tipo di controlli serviva a garantire che la stadera non era stata alterata e che pertanto il peso misurato era fedele alla realtÓ. La verificazione degli strumenti di misura avviene ancora oggi, ma con modalitÓ differenti.
L'operazione di verificazione viene eseguita ancora oggi su tutti gli strumenti di misura, ma con modalitÓ e tempi diversi rispetto al passato.

Collocazione

Sant'Angelo Lodigiano (LO), Museo Lombardo di Storia dell'Agricoltura

Credits

Compilazione: Forni, Giulia (1998)

Aggiornamento: Rizzi, Anna Maria (2020)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).