zona pastorale nord ovest 1971

Zona pastorale della diocesi di Vigevano.
Istituita con decreto 6 gennaio 1971 del vescovo di Vigevano monsignor Luigi Barbero, subentrando ai vicariati di Cassolnovo, Mortara, Sant'Angelo, San Giogio e Zeme (decreto 6 gennaio 1971) (Rivista diocesana vigevanese 1971); della sua giurisdizione facevano parte le parrocchie di San Lorenzo, sede del vicario, Santa Croce, San Pio X, Santi Giuseppe e Antonio di Mortara, Santa Maria e San Paolo vescovo di Albonese, San Pietro apostolo di Parona, Sant'Alessandro martire di Zeme, San Michele arcangelo di Olevano, NativitÓ di Maria Vergine di Castello d'Agogna, Sant'Elena di Cergnago, San Bartolomeo apostolo di Cassolnovo, San Martino vescovo di Villanova, Santi Pietro e Paolo apostoli di Cilavegna, San Pietro apostolo di Ceretto Lomellina, San Michele arcangelo di Sant'Angelo Lomellina, Santi Pietro e Paolo apostoli di Bordignana, San Terenziano di Nicorvo, Maria Santissima e San Valentino di Rosasco, San Giorgio martire di San Giorgio Lomellina, San Michele arcangelo di Ottobiano, NativitÓ della Beata Vergine Maria di Velezzo, Santi Pietro e Paolo apostoli di Valeggio, Beata Vergine del Rosario di Casoni Sant'Albino, San Silvestro papa di Vignarello e San Silvano martire di Sozzago.
La zona pastorale Sud Ovest fu soppressa con decreto 1 gennaio 1972 del vescovo di Vigevano monsignor Mario Rossi (decreto 1 gennaio 1972) (Rivista diocesana vigevanese 1972).

ultima modifica: 03/03/2004

[ Emanuele Robbioni ]