Feldtelefon Mod. 09

produzione austro-ungarica

Feldtelefon Mod. 09

Descrizione

Categoria: equipaggiamento ed altri materiali

Materia e tecnica: legno/ sagomatura/ verniciatura; ferro/ laminatura/ formatura; lega metallica/ fusione; stoffa; rame/ trafilatura; carta/ stampa; pelle/ concia

Cronologia: ca. 1915 - 1918

Ambito culturale: produzione austro-ungarica

Oggetto: Cassetta di legno a forma parallelepipeda con pareti anteriore e superiore incernierate apribili a ribalta. All'interno Ŕ contenuto un apparato telefonico da campo trasposrtabile durante le azioni di guerra grazie alla tracolla fissata alla cassetta. L'apparato elettrico, a vista, Ŕ fissato alle pareti interne del contenitore mentre la cornetta, con impugnatura, auricolare e microfono foderati in pelle, Ŕ collegata all'apparecchi con un lungo filo incamiciato con stoffa a treccia. Sotto il coperchio superiore Ŕ applicato un foglio con lo schema elettrico del dispositivo, mentre all'interno dello sportello anteriore sono applicate delle targhette con l'intestazione del fabbricante e il numero di matricola.

Notizie storiche: La societÓ Czeija, Nissl & Co. venne fondata a Vienna da Karl August Czeija, pioniere del sistena telefonico e telegrafico austriaco, e dall'ingegnere elettronico Franz Nissl nel 1884. L'azienda ha avuto un ruolo preminente nella creazione della rete telefonica dell'impero austro-ungarico. All'inizio del primo conflitto mondiale divenne fornitrice dell'esercito iniziando la produzione per i reparti militari di strumentazione per le comunicazioni tra le quali il "mod. 1909" che rimase in dotazione per tutta la guerra. Nel 1933 la Czeija, Nissl & Co. si fuse con la ÍTAG, Ísterreichische Telefonfabriks-AG (giÓ J. Berliner).

Collocazione

Bormio (SO), Museo Civico di Bormio

Credits

Compilazione: Bonetti, Luca (2011)

Aggiornamento: Bonetti, Luca (2015)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)