Ritratto di Lola (Rosa) Peduzzi Binda

Corvaya Salvatore

Ritratto di Lola (Rosa) Peduzzi Binda

Descrizione

Identificazione: Ritratto di Lola (Rosa) Peruzzi Binda

Autore: Corvaya Salvatore (1872/ 1962)

Cronologia: post 1937

Tipologia: pittura

Materia e tecnica: olio su tela

Misure: 120 cm x 200 cm

Notizie storico-critiche: Teresa Bonomi Peduzzi, con l'atto di donazione del 23 ottobre 1936, offrì all'Ospedale Maggiore la somma di centodiecimila lire come contributo alla costruzione del nuovo ospedale, una sala del quale chiedeva fosse intitolata alla memoria della figlia Lola morta a soli trentasei anni, il 20 marzo 1932. Anche il fratello Pietro e il padre Battista furono effigiati tra i benefattori della Ca' Granda (cfr. inv. ___________). La Commissione Artistica incaricò dell'esecuzione del ritratto Salvatore Corvaya nella seduta del 9 dicembre 1936. lI 22 febbraio successivo l'opera finita veniva accettata nelle collezioni ospedaliere, ma al pittore fu richiesto che velasse le braccia dell'effigiata.
Forse una delle opere meno felici fra quelle di Corvaya conservate alla Ca' Granda, presenta delle difformità nelle proporzioni anatomiche dell'effigiata, soprattutto nella parte inferiore. Meglio riuscita la raffigurazione del volto, ottenuta con toni morbidi e caldi. Va sottolineato, comunque, che il pittore portò a termine il dipinto in tempi molto ristretti, probabilmente sollecitato alla consegna per esigenze legate alla tradizionale mostra biennale dei quadri dei benefattori e forse a questa celerità di esecuzione è da imputare la mancanza di quell'accuratezza tanto caratteristica delle opere di Corvaya.

Collocazione

Provincia di Milano

Ente sanitario proprietario: Fondazione IRCCS Ca' Granda Ospedale Maggiore Policlinico

Credits

Compilazione: Pola, Francesca (2005)

Aggiornamento: Cassinelli, Daniele (2007); Rebora, Sergio (2007)