Ritratto della sorella dell'autore

Bucci, Anselmo

Ritratto della sorella dell'autore

Descrizione

Autore: Bucci, Anselmo (1887-1955)

Cronologia: 1930

Tipologia: disegno

Materia e tecnica: cartoncino/ matita

Misure: 462 mm x 636 mm

Descrizione: matita su cartoncino

Notizie storico-critiche: In questo disegno Anselmo Bucci descrive il volto della sorella minore Emilia - chiamata affettuosamente Bigia - attraverso una composizione fortemente plastica che richiama ancora le poetiche novecentiste. L'artista aveva vissuto con lei per un lungo periodo e la raffigura nel 1920 in uno splendito dipinto intitolato"La Bigia giovane". Per lei nutriva una forte ammirazione tanto da dedicarle, per commemorare la sua prematura morte avvenuta nel 1938, un libro di racconti redatto nel 1942. Intorno al 1930 Bucci realizza questo altro ritratto della sorella, oggi conservato all'interno del Civico Gabinetto di Disegno del Castello Sforzesco, in cui raffigura la giovane donna con folti capelli scuri e una larga vestaglia. Essa Ŕ descritta con naturalezza, intensitÓ fisica, psicologica e un'indicibile dolcezza riscontrabile dal suo suo volto paffuto e malinconico, mediante linee vigorose che ricordano le opere incise dell'autore e creano nell'immagine un forte contrasto chiaroscurale. Bigia pos˛, inoltre, anche per Dudreville che la ritrasse nell'opera"Amore: discorso primo", pi¨ precisamente nella donna del primo scomparto in alto a sinistra e in quello centrale in alto, ovvero nella madre intenta a lavare il proprio bambino (Mostra del Novecento italiano 1923-1933, cat. mostra, Mazzotta, Milano 1983, p. 256)

Collocazione

Milano (MI), Civiche Raccolte Grafiche e Fotografiche. Gabinetto dei Disegni

Credits

Compilazione: Mascellino, Bruno (2018)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).