Frammento tessile

ambito copto

Frammento tessile

Descrizione

Denominazione: Bordo decorativo con uccelli e fiori

Ambito culturale: ambito copto

Cronologia: 500 - 699

Tipologia: tessuti

Materia e tecnica: lana / tessuto ad arazzo; lino / tessuto ad arazzo

Misure: 35 cm x 5.5 cm

Descrizione: Il bordo, dal fondo color giallo ocra, è definito da una semplice cornice rossa e prevede una decorazione continua di uccelli, posti di profilo, verde salvia con ala verde scuro, becco rosso, occhio bianco e nastro rosso e bianco al collo, il tutto definito da un profilo color porpora; le zampe sono create da segmenti rossi. Ogni uccello, volto a destra, è inframezzato da un bocciolo di loto rosso, rosa e bianco, posto fra due foglie con stelo verde.

Notizie storico-critiche: L'impostazione formale ancora naturalistica, lo spiccato senso cromatico vivace e brillante che crea anche gradevoli sfumature, suggeriscono l'attrinuzione proposta. La rappresentazione del boccio di loto sembra essere un motivo caratteristico della tessitura di Antinoe, elemento carico di significati tratti dalla tradizione faraonica. Motivi di volatili, specie il pappafico, sono di origine sasanide e si trovano disseminati in vari mosaici presenti in aree geografiche del Mediterraneo orientale. Simili uccellini policromi sono disegnati su un tessuto custodito al Textile Museum di Washington e datato VI secolo. Elementi comuni si possono ritrovare in vari esemplari fra i quali segnaliamo un bordo, conservato al Museo Archeologico di Firenze, proveniente da Antinoe e datato al IV-VI secolo; qualche assonanza stilistica e cromatica in un frammento del Museo Storico Didattico della Tappezzeria di Bologna. Tuttavia la resa un po' rigida del volatile, con zampe stilizzate, descritto con una colorazione piatta come il boccio di loto suggeriscono una datazine tra il VI e il VII secolo.

Collocazione

Milano (MI), Raccolte Artistiche del Castello Sforzesco. Raccolte d'Arte Applicata

Credits

Compilazione: Peri, Paolo (2013); Vecchio, Stefania (2013)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).