Frammento tessile

ambito copto

Frammento tessile

Descrizione

Denominazione: Frammento di bordo decorativo con motivi vegetale e uccelli

Ambito culturale: ambito copto

Cronologia: 400 - 599

Tipologia: tessuti

Materia e tecnica: lana/ tessuto ad arazzo; lino/ tessuto ad arazzo

Misure: 25 cm x 5,5 cm

Descrizione: Il bordo Ŕ cucito su di un tessuto ad arazzo in lana azzurra. Su fondo Úcru risalta la decorazione policroma composta da tralci rossi, con foglie verdi e boccioli rossi, che compongono un motivo ad archi concavi. Nei punti di tangenza nascono un frutto (forse una melagrana) seguito da una inflorescenza rossa fra sepali filiformi verdi, forse un boccio di loto. Negli archi sono sistemati dei volatili addossati ed affrontati, posti di profilo con becco, occhio rotondo, ala colorata.

Notizie storico-critiche: Il bordo propone una raffinata decorazione composta da volatili, elementi vegetali e floreali sovente riscontrati nella produzione tessile copta fin dal IV secolo. La brillante policromia, impiegata per evidenziare l'aspetto decorativo, non sfuma nelle gradazioni cromatiche per porre in risalto l'aspetto volumetrico, come avveniva nei reperti d'impronta ellenistica, ma Ŕ studiata per sottolineare le varie sagome risolte in modo contrastante. Queste caratteristiche sono comuni al periodo sopra indicato e identificano la produzione copta pi¨ nota. La melagrana era giÓ nota nell'antico Egitto e presente soprattutto nelle scene di offerta alle principali divinitÓ per il suo valore simbolico e ornamentale; ebbe ampia diffusione nell'arte bizantina e sasanide, passando poi in quella copta sia nell'ambito tessile che in quello decorativo conservando il suo peculiare significato di abbondanza e di fertilitÓ:

Collocazione

Milano (MI), Raccolte Artistiche del Castello Sforzesco. Raccolte d'Arte Applicata

Credits

Compilazione: Peri, Paolo (2015); Vecchio, Stefania (2015)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).