Linee forze di paesaggio (Simultaneità di sensazioni: cielo+casa+alberi+fiori)

Balla, Giacomo

Linee forze di paesaggio (Simultaneità di sensazioni: cielo+casa+alberi+fiori)

Descrizione

Identificazione: Figure geometriche

Autore: Balla, Giacomo (1871-1958)

Cronologia: 1918

Tipologia: pittura

Materia e tecnica: carta/ pittura a olio/ telatura

Misure: 54 cm x 42 cm

Notizie storico-critiche: Partito dal divisionismo in chiave sociale di Segantini e Pellizza da Volpedo, il torinese Balla aderisce dal 1910 al Futurismo elaborando tuttavia un suo stile personale basato sullo studio del movimento, del colore e della scomposizione della luce, giungendo progressivamente verso composizioni geometriche astratte e rifiutando la sua precedente produzione figurativa. Nel suo manifesto "Ricostruzione futurista dell'universo", scritto insieme a Depero nel 1915, Balla afferma che vuole "dare l'espressione dinamica, simultanea, plastica, rumoristica della vibrazione universale", vuole dare "scheletro e carne all'invisibile, all'impalpabile, all'imponderabile, all'impercettibile" e trovare "degli equivalenti astratti di tutte le forme e di tutti gli elementi dell'universo" creando il "paesaggio artificiale". La nuova forma di rappresentazione della natura e del paesaggio di Balla si pone all'interno di una globale ricostruzione dell'universo ed Ŕ guidata da una visione festosa e coloratissima, cinetica in cui si intrecciano elementi organici ed elementi simili alle macchine ('artificiali'). Questa fase sintetica e geometrizzante espressa in forme ora drammatiche ora giocose dai colori smaltati, trova il suo apice nella mostra personale di Balla organizzata alla Casa d'arte Bragaglia di Roma nel 1918. La stessa composizione, realizzata in altri colori, Ŕ presente nel dipinto intitolato "Linee forza di paesaggio maiolicato" del 1917-1918.

Collocazione

Bergamo (BG), GAMeC - Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea

Credits

Compilazione: Trichies, Silvia (1999)

Aggiornamento: Civai, Alessandra (2006); Muzzin, Silvia (2006); Civai, Alessandra (2012); Civai, Alessandra (2014)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).