Figura antropomorfa

Dova Gianni

Figura antropomorfa

Descrizione

Autore: Dova Gianni (1925/ 1991), autore

Cronologia: 1967

Tipologia: disegno

Materia e tecnica: carboncino/ pastelli/ cancellature a gomma su carta

Misure: 595 mm x 795 mm

Descrizione: Figura geometrizzante che sembra vista in prospettiva da sotto in su; colori azzurro, nero e giallo; le zone di colore della parte superiore della figura sono striate da cancellature a gomma che ne spezzano l'omogeneitÓ e danno un effetto di movimento

Notizie storico-critiche: Il disegno raffigura uno di quegli esseri fantastici e antropomorfi che cominciano a popolare numerosi le tele di Dova con la metÓ degli anni '50.
Sul finire del decennio i "personaggi" di Dova assumono un carattere totemico e, anche sulla scia dell'influenza di Lam e Sutherland, diventano strutture meccaniche e geometrizzanti. Questo indirizzo di ricerca viene portato a maturazione nel corso degli anni '60, periodo in cui, parallelamente, la materia pittorica perde la consueta ricercatezza mentre l'attenzione dell'artista si concertra sull'aspetto contenutistico e sulla rappresentazione di problemi esistenziali, male di vivere, perdita della libertÓ, reificazione dei valori etici.
Il disegno della collezione Lajolo, datato 1967, Ŕ un'espressione coerente di questa fase dell'evoluzione dell'artista e fa parte di un gruppo di lavori realizzati tra quell'anno e l'anno successivo, esposti alla Galleria Borgogna di Milano nel 1968.
Esso sembra raffigurare un singolo personaggio visto dal basso, al quale la prospettiva e i segni di cancellature a gomma danno un particolare slancio emotivo.

Collocazione

Milano (MI), Fondazione Davide Lajolo

Credits

Compilazione: Ciottoli Sollazzo, Nora (2005)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).