Zolla

Zauli Carlo

Zolla

Descrizione

Autore: Zauli Carlo (1926/ 2002), autore

Cronologia: ca. 1976 - ca. 1980

Tipologia: scultura

Materia e tecnica: gres

Misure: 12 cm x 13 cm

Descrizione: massa sferoidale allungata in senso verticale, mossa da pressioni e ondulazioni; superficie porosa; colore grigio chiaro, bianco lungo i profili delle ondulazioni

Notizie storico-critiche: La forma della sfera comincia a divenire dominante nell'arte di Zauli a partire all'incirca dal 1968, quando lo scultore ha ormai abbandonato gli esordi geometrizzanti ed appena entrato in quella che lui stesso definisce la terza fase della sua ricerca, "improntata su modulazioni sensibili e molto vicine alla natura" (Vivaldi C. 1973).
Le sfere di Zauli infatti non sono tanto assimilabili all'archetipo geometrico quanto piuttosto alle forme naturali (frutti caduti dall'albero, sassi, zolle), laddove l'archetipo stato sottoposto a pressioni e spinte deformanti, esterne ed interne alla materia.
"Tutto in Zauli parte dalla zolla di terra" scrive Davide Lajolo, unito allo scultore da un'amicizia che trova le sue motivazioni anche nelle comuni origini contadine e nell'amore per la campagna. "Proprio la terra sulla quale si cammina, quella che senti respirare sotto l'erba quando fai sosta da ragazzo dopo una corsa sfrenata, quella che tuo padre squarciava con l'aratro lasciando le zolle splendere al sole o intridersi d'acqua nera e nebbia grigia negli inverni d'ombra e di gelo" (Lajolo D. 1976).
Anche la scelta del grs, il materiale utilizzato da Zauli in questa come nella maggior parte delle sue sculture, in sintonia con questa poetica.
Il grs un materiale povero, che preclude il gioco di effetti cromatici tipico della tradizionale maiolica faentina. Esso limita la gamma di colori a quelli compresi tra il nero e il bianco, consentendo dunque a Zauli di utilizzare esclusivamente le pur ricche sfumature del grigio (Vivaldi C. 1973).
I limiti relativi alla gamma cromatica si risolvono per a favore di una maggiore attenzione al rapporto tra forma e materia, oggetto principale della ricerca dell'artista.

Collocazione

Milano (MI), Fondazione Davide Lajolo

Credits

Compilazione: Mattio, Fiorella (2007)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)