TESTA DI LEONE

ambito mantovano

TESTA DI LEONE

Descrizione

Ambito culturale: ambito mantovano

Cronologia: post 1516 - ante 1549

Tipologia: scultura

Materia e tecnica: marmo greco; marmo nero antico

Misure: 16 cm x 41 cm x 66 cm

Descrizione: Altorilievo in pietra nera, raffigurante testa di leone con anello tra le fauci inserita e fissata con malta nell'incavo di una lastra in marmo greco.

Notizie storico-critiche: La testa leonina con batacchio tra le fauci, scolpita in marmo nero e incastonata a lastra di supporto in marmo greco, costituiva ornamento del monumento sepolcrale di Giovanni Battista Spagnoli, carmelitano e uomo di lettere morto a Mantova nel 1516. Il sepolcro del frate era collocato nella chiesa mantovana del Carmine; vari pezzi componenti il monumento - tra cui l'opera in esame - furono asportati nel corso del XVIII secolo e riutilizzati dall'architetto Paolo Pozzo all'interno della propria abitazione privata. La testa leonina, una di quattro appartenenti al citato sepolcro, fu come gli altri pezzi adattata a nuovo uso: Portioli (1871, cfr. bibliografia) ricorda infatti che vari elementi del monumento Spagnoli furono da Pozzo riutilizzati a ornamento di un camino.
Dubbi sull'originaria appartenenza del pezzo al sepolcro del carmelitano Spagnoli - considerata soprattutto l'eterogeneità materica e stilistica dei supposti componenti il manufatto - sono stati recentemente sollevati da L'Occaso 2011 (cfr. bibliografia).
All'acquisto della casa dell'architetto da parte del Comune, la lastra con testa di leone fu da lì asportata e collocata presso il museo civico (la relazione che ne registra l'ingresso è Portioli, 1871). Dal palazzo accademico, sede del museo cittadino, fu quindi trasportata al Museo di Palazzo Ducale il 17 marzo 1915.

Collocazione

Mantova (MN), Museo di Palazzo Ducale

Credits

Compilazione: Marocchi, Giulia (2013)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).