Vera da pozzo (?)

ambito giuliesco

Vera da pozzo (?)

Descrizione

Ambito culturale: ambito giuliesco

Cronologia: post 1500 - ante 1550

Tipologia: scultura

Materia e tecnica: marmo

Misure: 67 cm x 140 cm x 85 cm

Descrizione: Vera da pozzo o frammento incompleto di fontana, con base, corpo scolpito e ornato da fogliami angolari e scudo centrale, cornice superiore fortemente aggettante; l'interno sagomato in forma semicircolare.

Notizie storico-critiche: Il marmo identificato con il "soglio di pozzo lavorato con scudo centrale" ricevuto in consegna dal Museo di Palazzo Ducale, da parte del Comune di Mantova, in data 1 giugno 1921 (cfr. DO). Ignote sono la provenienza del pezzo e le circostanze del suo ingresso nelle collezioni civiche. Con una lettera inviata al sindaco di Mantova il 4 marzo 1921, G. Pacchioni, ispettore di Palazzo Ducale, domandava il deposito di alcuni marmi "(frammenti di fontana, tronchi di vecchie colonne, un paio di capitelli) [...] giacenti nel deposito di marmi del Comune a Porta Pusterla": il marmo in oggetto rientra certamente tra i "frammenti di fontana" richiesti in questa occasione e consegnati dopo circa tre mesi.
La vera da pozzo, lavorata a foggia di sarcofago e ornata da un elegante fogliame agli angoli, caratterizzata da uno scudo centrale racchiudente l'immagine del monte Olimpo, impresa di Federico II Gonzaga. La presenza di questa impresa, in unione al carattere marcatamente giuliesco del pezzo - che tanto rimanda alla fattura dei camini lavorati dalla bottega di scultori guidata da Giulio Romano - dichiara una provenienza gonzaghesca: da non escludere il Palazzo del Te, gi abbellito da elementi di giardino e fontane dispersi.
Il marmo potrebbe dubitativamente corrispondere alla "vera da pozzo di stile quattrocentesco" di provenienza dal convento delle suore di S. Vincenzo ricordata da Giannantoni (1929, p. 67) nel Cortile d'Onore.

Collocazione

Mantova (MN), Museo di Palazzo Ducale

Credits

Compilazione: Marocchi, Giulia (2014)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).