Tavolo lavorato a scagliola con sopra disegnato un antico piano idraulico del Ducato di Mantova

ambito emiliano-lombardo

Tavolo lavorato a scagliola con sopra disegnato un antico piano idraulico del Ducato di Mantova

Descrizione

Denominazione: Planimetria del sistema idrografico del ducato di Mantova

Ambito culturale: ambito emiliano-lombardo

Cronologia: ca. 1601 - ca. 1700

Tipologia: scultura

Materia e tecnica: legno/ tornitura/ modanatura; scagliola

Misure: 178 cm x 101 cm x 85 cm

Descrizione: Tavolo a quattro gambe con piano superiore rettangolare in notevole aggetto, con bordo ligneo modanato. Il piano in scagliola comprende al centro un disegno delineato in azzurro su fondo bianco dell'idrografia del Ducato di Mantova. La planimetria Ŕ compresa entro una riquadratura nera di cui i lati pi¨ corti con bande pi¨ larghe percorse da un motivo romboidale. Le q uattro gambe sono a balaustro nella parte superiore e di forma essenzialmente cilindrica nella parte inferiore. Gli elementi cubici di raccordo con le traverse perimetrali di semplice sezione quadrangolare fungono pure da piedi.

Notizie storico-critiche: Donato al Museo Civico dal Direttore Provinciale delle Poste Regie di Mantova, il pezzo entr˛ a far parte delle collezioni del Museo Civico prima del 1853, anno in cui Carlo d'Arco lo ricorda giÓ in Museo.
Venne collocato nella sala E, dove venne registrato con il numero 130 e descritto come "Tavolo lavorato a scagliola con sopra disegnato un antico piano idraulico del Ducato di Mantova".
Nel 1915 pass˛, con il resto delle collezioni Civiche, al Palazzo Ducale.
Consegnato in deposito dal Comune di Mantova al Museo di Palazzo Ducale il 17 marzo 1915.

Collocazione

Mantova (MN), Museo di Palazzo Ducale

Credits

Compilazione: Bonoldi, Lorenzo (2014)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).