Stemma Gonzaghesco

bottega mantovana

Stemma Gonzaghesco

Descrizione

Denominazione: Stemma di Casa Gonzaga. Dal 1394 al 1423. Fasce con leoni rampanti.

Ambito culturale: bottega mantovana

Cronologia: post 1394 - ante 1423

Tipologia: scultura

Materia e tecnica: pietra calcarea / pittura

Misure: 29.5 cm x 9 cm x 33 cm

Descrizione: Scudo araldico scolpito in una lastra di pietra calcarea caratterizzato dall'alternanza di sei fasce dorate (in origine) e nere, con la prima in alt o dorata e l'ultima in basso nera.

Notizie storico-critiche: L'elemento decorativo a rilievo presenta il primitivo scudo araldico della famiglia Gonzaga. In generale, sia nella scultura che nelle monete, la rappresentazione della fascia dorata avveniva con il rilievo mentre quella nera con l'incavo (Bazzotti, 1986). Il rilievo proviene dalla facciata della distrutta chiesa di Sant'Antonio, dove ornava l'arcone del portale. Assieme ai due cimieri che era no murati (inv. 11604, 11603) nelle ogive dei finestroni ciechi, lo stemma cos tituiva un complesso araldico che Guido Gonzaga fece realizzare a testimon ianza della fondazione della chiesa che avvenne intorno al 1350, se condo l'Amadei (1954). e nel 1968 secondo il Portioli (1871). A seguito d ella dem olizione della chiesa (1872), lo stemma pervenne al Museo Civico, ove collocato nella sala B, con il numero 91, e descritto come "Scudo Gonzaghesco in terracotta". Il fraintendimento del materiale (in realtà lo scudo è in pietra calcarea) fu evidentemente dovuto all'originale colorazione.
Nel 1915 la scultura passò, con il resto delle collezioni Civiche, al Palazzo Ducale, ove fu collocata, quale opera facente parte del lapidario nella Sala degli Stemmi (n.31).
Consegnata in deposito dal Comune di Mantova al Museo di Palazzo Ducale il 17 marzo 1915.

Collocazione

Mantova (MN), Museo di Palazzo Ducale

Credits

Compilazione: Bonoldi, Lorenzo (2013)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).