Vaso

ambito albisolese

Vaso

Descrizione

Identificazione: divinitÓ olimpiche

Denominazione: Due stagnoni

Ambito culturale: ambito albisolese

Cronologia: ca. 1900 - ca. 1950

Tipologia: ceramiche e porcellane

Materia e tecnica: maiolica

Misure: 45,7 cm x Ø 30 cm (intero); 35 cm x 30 cm x 45 cm (intero)

Descrizione: I due vasi hanno un corpo vasale lavorato al tornio su schema globulare raccordato a un piede cordonato. La parte superiore termina con un anello aggettante da dove si sviluppa un collo con bocca cerchiata e bordo estroflesso. Due anse tra loro contrapposte a protomi leonine sono inserite nella spalla con al di sotto due mascheroni simmetrici. Una terza mascherona ritorna nella parte inferiore dei vasi in corrispondenza dell'orifizio. I vasi sono accomunati da una decorazione "a scenografia barocca" e in particolare dalla presenza, su una faccia, della figura di Ercole abbigliato con la pelle di leone e con la clava appoggiata sulla spalla. L'altra faccia ha invece un personaggio diverso per vaso: nel primo stagnone (inv. 3241) Apollo con ai piedi il grande rettile Pitone, figlio di Gea, trafitto da quattro frecce; nel secondo stagnone (inv. 3242) Diana con la luna falcata sul capo che stringe a sÚ nella mano sinistra l'arco e mentre la destra tiene in piedi la faretra con, nella parte inferiore, l'animale a lei sacro, la cerva. Su entrambi i vasi compaiono i cartigli che si sviluppano per l'intera circonferenza: nel primo (inv. 3241) la scritta" Aqua de Rosae", nel secondo (inv. 3242) "OI. D. cap rib". La decorazione Ŕ caratterizzata da monocromia blu cobalto su fondo azzurrina.

Notizie storico-critiche: I due stagnoni, parte della collezione Pompeo Mariani, passarono a Maria Caronni Lomazzi e nel 1934 furono acquistati dalle Civiche Raccolte. Le due opere provengono dall'area di Albisola dove, durante gli inizi del XX secolo, molte fornaci cominciarono a riprodurre le antiche maioliche dai colori azzurri (Cameirana 1966, pp. 285-289; Cameirana 1974, pp. 110-180; Cameirana 2002, p. 120). La paternitÓ rimane incerta.

Collocazione

Milano (MI), Raccolte Artistiche del Castello Sforzesco. Raccolte d'Arte Applicata

Credits

Compilazione: Bertocco, Mattia Alberto (2015)

Aggiornamento: Vertechy, Alessandra (2016)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).