Busto

Gio Ponti; Supino, Giorgio

Busto

Descrizione

Identificazione: figura femminile

Denominazione: Busto di donna

Autore: Gio Ponti (1891-1979), ideatore / disegnatore; Supino, Giorgio, modellatore

Cronologia: 1923

Tipologia: ceramiche e porcellane

Materia e tecnica: terraglia

Misure: 44 cm x 22 cm x 48,5 cm (intero)

Descrizione: Busto di elegante donna in terraglia. La giovane donna indossa un corsetto a sottili righe azzurre sostenuto da spalline con fine decoro e stretto sotto il seno da un nastro. Un amplio scialle, con fantasia a grandi fiori turchini disegnato su fondo bianco, poggia sulla spalla destra e copre in parte il braccio destro, mentre l'avambraccio sinistro Ŕ libero e incrocia il destro. Il volto della donna Ŕ appena rivolto verso sinistra e reclinato verso il basso. I capelli castani sono divisi in due bande laterali, separati da una scriminatura centrale, e sono poi raccolti nella parte posteriore in uno chignon trattenuto da un nastro azzurro.

Notizie storico-critiche: L'opera fu acquistata da Guido Marangoni, conservatore delle Civiche Raccolte del Castello Sforzesco, durante la "Prima Mostra Internazionale delle Arti Decorative" tenutasi a Monza nel 1923.
Lungo il fianco destro della figura Ŕ inciso il nome del modellatore della scultura: "Supino", Giorgio Supino, modellatore della manifattura milanese di San Cristoforo, parte del gruppo Ginori. Ma l'artista che ide˛ la scultura Ŕ Gio Ponti (1891-1979), direttore artistico della SocietÓ Ceramica Richard Ginori dal 1923 al 1933.
Di quest'opera furono eseguiti venti esemplari, numerati e firmati.

Collocazione

Milano (MI), Raccolte Artistiche del Castello Sforzesco. Raccolte d'Arte Applicata

Credits

Compilazione: Bertocco, Mattia Alberto (2015)

Aggiornamento: Vertechy, Alessandra (2016)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).