Albarello

ambito pavese

Albarello

Descrizione

Identificazione: paesaggio con architetture e rovine

Denominazione: Grande albarello "a paesaggio scenografico"

Ambito culturale: ambito pavese

Cronologia: ca. 1700 - ca. 1750

Tipologia: ceramiche e porcellane

Materia e tecnica: maiolica

Misure: 40 cm x Ø 22 cm (intero)

Descrizione: Grande albarello in smalto bianco con corpo a rocchetto, bocca larga con bordo lievemente pronunciato e piede distinto a disco.
La decorazione dell'albarello appare bipartita. Il lato frontale ha la parte mediana cilindrica occupata da una cornice a cartocci con l'inscrizione in lettere capitali "MVSTARDA", circondata da una campitura irregolare in blu; mentre i due rigonfiamenti alle estremitÓ mostrano paesaggi simili, di edifici turriti tra quinte di piante, su uno sfondo di monti blu e uccellini schematici in volo. Il lato posteriore ha, invece, una decorazione uniforme senza suddivisioni, con un paesaggio scenografico di rovine in colonnato, su uno sfondo di edifici e torri.

Notizie storico-critiche: L'albarello proviene dalla collezione privata di Francesco Ponti, dove era registrato con la nomenclatura: "105. Venezia Vaso di forma cilindrica, decorata a colori coll'iscrizione: Mostarda". La sua manifattura Ŕ da far risalire alla produzione pavese, o di un altro centro dell'Italia settentrionale, della metÓ del XVIII secolo.

Collocazione

Milano (MI), Raccolte Artistiche del Castello Sforzesco. Raccolte d'Arte Applicata

Credits

Compilazione: Sanson, Angela (2015)

Aggiornamento: Vertechy, Alessandra (2016)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).