Angeli musicanti

Sala, Giovanni Angelo (bottega); Sala, Gerolamo (bottega)

Angeli musicanti

Descrizione

Autore: Sala, Giovanni Angelo (bottega) (1615-1683); Sala, Gerolamo (bottega) (notizie 1663-1696)

Cronologia: ca. 1659 - ca. 1665

Tipologia: pertinenze decorative

Materia e tecnica: stucco/ doratura/ modellatura/ pittura

Descrizione: Decorazione della lunetta che racchiude l'affresco di Ciro Ferri con l'episodio biblico di "Dio che maledice il serpente": a destra e a sinistra, due grandi figure di angeli musicanti; al centro, cartiglio in stucco a volute, retto da due angioletti, con iscrizione dipinta.

Notizie storico-critiche: La vicenda della decorazione della Basilica di Santa Maria Maggiore assai bene documentata dai pagamenti conservati nei libri contabili della Congregazione della Misericordia Maggiore, che permettono di seguire quasi ad annum le fasi del cantiere (Rampinelli, 2001; Spirirti, 2009): agli stucchi del transetto sinistro lavorarono, tra il 1659 e il 1665, Giovanni Angelo Sala e il figlio Gerolamo, artisti ticinesi d'origine, impegnati negli stessi anni in numerosi altri cantieri bergamaschi; valga per tutti l'impresa delle meravigliose sagrestie della Basilica di San Martino ad Alzano Lombardo (cfr. M. Olivari in "Le sagrestie di Alzano Lombardo nella Basilica di San Martino", Cinisello Balsamo 1994, pp. 19-22).
La decorazione della lunetta che racchiude l'affresco con l'episodio biblico di "Dio che maledice il serpente", dipinto da Ciro Ferri tra il 1666 e il 1667, appartiene probabilmente a questa fase dei lavori.

Collocazione

Bergamo (BG), Basilica di S. Maria Maggiore

Credits

Compilazione: Civai, Alessandra (2010); Monaco, Tiziana (2010)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).