Microscopio fotoelettrico - scienze della vita

Duboscq J. & Pellin P.

Microscopio fotoelettrico - scienze della vita

Descrizione

Il microscopio vero e proprio era fissato, tramite una ghiera, su un tubo di ottone cilindrico. Un'apposita ghiera infilata sul tubo permette l'adattamento ad una lanterna di Duboscq. Il tavolino portaoggetti, fissato su un'asta a sezione quadrata, è formato da una lastra metallica con un foro centrale sovrastata da un dispositivo a ferro di cavallo che permetteva di bloccare il preparato. Sotto al portaoggetti si trova una lente, che può essere avvicinata o allontanata dal portaoggetti stesso tramite una cremagliera. Sull'asta, sempre tramite una cremagliera, può scorrere, tramite una manopola a pignone dentato, il dispositivo che regge l'obiettivo. Una corona circolare delimita il campo di proiezione ed elimina la luce parassita.

Funzione: Questo microscopio permette di proiettare su uno schermo l'immagine fortemente ingrandita degli oggetti in esame. Era installato su una lanterna di Duboscq munita di lampada ad arco.

Autore: Duboscq J. & Pellin P. (costruttore) (notizie seconda metà sec. XIX)

Materia e tecnica: ottone; ferro; vetro

Categoria: scienze della vita

Misure: 35 cm x Ø 10 cm

Collocazione

Pavia (PV), Museo per la Storia dell'Università

Riferimenti bibliografici

Brenni P. "Gli strumenti di fisica dell'Istituto Tecnico Toscano - Ottica", Firenze 2000

"From makers to users: Microscopes, Markets, and Scientific Practices in the Seventeenth and Eighteenth Centuries", 2004

Credits

Compilazione: Boffelli, Fabrizio (2008)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).