Franklin N.10 - macchina per scrivere - industria, manifattura, artigianato

Franklin Typewriter Company; Kidder Wellington Parker

Franklin N.10 - macchina per scrivere - industria, manifattura, artigianato

Descrizione

Macchina semi-standard con telaio in metallo. La tastiera ha una linea semicicolare, con tasti in gomma dura di forma esagonale, disposti su tre file; numeri ed interpunzioni hanno i tasti a sfondo bianco, mentre le lettere sono a sfondo nero. La barra spaziatrice è corta ed affiancata da due tasti delle maiuscole. I martelletti riposano in posizione verticale dietro la tastiera, dalla quale sono separati da un pannello di protezione di colore nero, anch'esso curvilineo. Il carrello portarullo è situato frontalmente alla cesta delle leve, in posizione più bassa rispetto ai martelletti

Soggetto: PERSONAGGI: Benjamin Franklin

Modalità d'uso: Il funzionamento è particolarmente semplice: ogni tasto è connesso al martelletto attraverso una ruota dentata, per cui il tasto agisce direttamente sul martelletto. L'abbassamento di un tasto fa scattare il martelletto che colpisce il punto di battitura dall'alto verso il basso. L'inchiostrazione avviene tramite nastro. Il passaggio alle lettere maiuscole avviene mediante lo spostamento della cesta delle leve. Attraverso un sistema di scappamento, il carrello portacarta compie uno spostamento ad ogni battuta di tasto, permettendo la composizione di una riga. La scrittura è semivisibile

Notizie storiche: Il semplice meccanismo di funzionamento delle macchine per scrivere Franklin fu brevettato nel 1891 da Wellington P. Kidder e rappresenta un importante passo nella ricerca della visibilità della scrittura, raggiunto pienamente dalle macchine Underwood qualche anno più tardi. Nelle macchine Franklin, seppur ostacolata dai martelletti, la scrittura risulta visibile.

Autore: Franklin Typewriter Company (costruttore) (1891/ 1907); Kidder Wellington Parker (progettista) (1853/ 1924)

Datazione: post 1904 - ante 1907

Tipologia: macchina da scrivere; macchina dattilografica

Materia e tecnica: metallo; ebanite; gomma

Categoria: industria, manifattura, artigianato

Misure: 40 cm x 32 cm x 17 cm

Collocazione

Milano (MI), Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia "Leonardo da Vinci"

Riferimenti bibliografici

Tilghman Richards, G. "Handbook of the collection illustrating typewriters : a brief outline of the history and development of the correspondence typewriter with reference to the national collection, and descriptions of the exhibits", London 1948

Mostra celebrativa "Mostra celebrativa della invenzione della macchina per scrivere sotto gli auspici del Ministero della P.I. : centenario del brevetto di Giuseppe Ravizza : novembre 1955", Milano 1955, p. 39

Dal cembalo "Dal cembalo scrivano alla scrittura elettronica : più di un secolo di macchine per scrivere : Firenze, 25 maggio - 30 giugno 1985", Firenze 1985

Dickerson R. "ETCetera : magazine of the Early Typewriter Collectors Association", Los Angeles 1987-

The Typewriter "The Typewriter : An illustrated history", Mineola 2000

Credits

Compilazione: Meroni, Luca (2008)

Aggiornamento: Iannone, Vincenzo (2011)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).