Nuovo modo da far sollevar l'aqua da se per un terzo

Finugio, Girolamo

Nuovo modo da far sollevar l'aqua da se per un terzo

Descrizione

Identificazione: Veduta prospettica di macchina per sollevare l'acqua

Autore: Finugio, Girolamo (notizie 1616), inventore

Cronologia: post 1616

Oggetto: stampa

Soggetto: oggetti e strumenti

Materia e tecnica: acquaforte / bulino

Misure: 345 mm x 463 mm (parte incisa)

Notizie storico-critiche: Nell'"Indice" del tomo nel quale era rilegata l'incisione viene definita: "Machina per sollevare l'acqua".
Questa incisione illustra e descrive un metodo di sollevamento automatico dell'acqua ideato da Girolamo Finugio nel 1616 e da lui dedicato al Principe Federico Cesi (1585-1630), principe di S. Angelo, Marchese di Monticelli, grande conoscitore della matematica e di tutte le altre scienze e fondatore con tre amici, l'olandese Giovanni Heckius (italianizzato in "Ecchio") e altri due umbri, come lui, Francesco Stelluti e Anastasio de Filiis, dell'Accademia dei Lincei.
La rappresentazione grafica è divisa in due parti dall'iscrizione, presentata come vergata su un foglio srotolato con lo stemma della famiglia Cesi, che illustra al principe l'invenzione e dalla legenda seguita dalla spiegazione del funzionamento del sistema. Il disegno a sinistra illustra con una vista prospettica tutto il congegno, con le varie componenti identificate dalle lettere alfabetiche richiamate in legenda, posizionato nella fase di svuotamento nella cisterna dell'acqua prelevata più in basso. Nella vista prospettica a destra il congegno è inserito nel contesto ossia una fenditura del terreno e viene presentato nella fase in cui a metà altezza vengono riempiti entrambi i vasi: quello che si svuota nella cisterna appesa all'esterno della casa e quello che una volta riempito fa salire il primo per mezzo della carrucola.

Collocazione

Milano (MI), Civiche Raccolte Grafiche e Fotografiche. Gabinetto dei Disegni

Credits

Compilazione: Caspani, Licia Anna (2008)

Aggiornamento: Caspani, Licia Anna (2009)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).