Disegni originali d'eccellenti pittori esistenti nella Real Galleria di Firenze incisi ed intagliati nella loro grandezza e colori

Mulinari Stefano; Sanzio Raffaello

Disegni originali d'eccellenti pittori esistenti nella Real Galleria di Firenze incisi ed intagliati nella loro grandezza e colori

Descrizione

Identificazione: Cristo libera gli eletti del Limbo

Autore: Mulinari Stefano (1741/ 1804 post), incisore; Sanzio Raffaello (1483/ 1520), inventore

Cronologia: 1774

Oggetto: stampa smarginata

Soggetto: sacro

Materia e tecnica: acquaforte

Misure: 200 mm x 201 mm (Parte incisa)

Notizie storico-critiche: Questo foglio costituisce un ritaglio della tav. IV dell'opera di Stefano Mulinari "Disegni originali d'eccellenti pittori esistenti nella Real Galleria di Firenze incisi ed intagliati nella loro grandezza e colori" pubblicata nel 1774 e costituita da cinquanta tavole precedute da un frontespizio con dedica a Pietro Leopoldo granduca di Toscana. Ciascuna tavola contiene la riproduzione di tre o quattro disegni; la tav. IV riproduce quattro disegni; il ritaglio qui catalogato si trovava nella parte superiore sinistra della tavola. Il soggetto deriva nello stesso verso da uno degli arazzi di Raffaello cosiddetti della scuola nuova con storie della vita di Cristo. I cartoni furono commissionati a Raffaello da Francesco I che voleva donarli al papa in occasione della canonizzazione di S. Francesco di Paola nel maggio 1519. In realtÓ sembra che Raffaello abbia realizzato solo qualche schizzo, lasciando il resto a Giulio Romano ed ai suoi allievi. Gli arazzi vennero tessuti a Bruxelles nell'atelier di Pieter van Aelst fra il 1524 ed il 1531. L'arazzo con Cristo al Limbo bruci˛ nel 1798.

Collocazione

Bergamo (BG), Accademia Carrara. Gabinetto Disegni e Stampe

Credits

Compilazione: Scorsetti, Monica (2006)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).