Due busti collocati in nicchie

Anonimo

Due busti collocati in nicchie

Descrizione

Identificazione: Due busti di guerrieri con elmi fantastici

Autore: Anonimo (secc. XVIII/ XIX), incisore / inventore

Ambito culturale: ambito veneziano

Cronologia: post 1790 - ante 1811

Oggetto: stampa smarginata

Soggetto: decorazioni e ornati

Materia e tecnica: acquaforte; bulino

Misure: 54 mm x 38 mm (parte incisa)

Notizie storico-critiche: Questa stampa una copia moderna, nello stesso verso, da un niello di cui si conoscono alcune prove su carta, appartenuto alla collezione Durazzo (il niello-print ora conservato presso il Louvre, coll. Rothschild, inv. 118 Ni; un esemplare conservato anche presso i Musei Civici, cfr. inv. St. Mal. 1459). I nielli della collezione Durazzo vennero fatti riprodurre in incisioni proprio dal proprietario, tra fine XVIII e inizio XIX secolo, a Venezia (come specificato anche dal Malaspina nel suo catalogo del 1824, dove li menziona rapidamente), costituendo una serie che venne diffusa e collezionata dagli amatori. Bartsch descrive queste copie nel suo volume edito nel 1811, data che quindi costituisce il termine ante quem per l'esecuzione. Il Malaspina possedette questa serie conservata montata su cartoncini azzurri, con sottile cornice a motivi geometrici (si vedano i nn. inv. 1512-1550). La composizione qui schedata viene ricondotta all'ambito fiorentino, in particolare alla cerchia di Maso Finiguerra, oppure a Baccio Baldini (cfr. Zucker 1993). Pi recentemente, sulla base delle analogie con alcune composizioni rinvenute in altri nielli e in disegni attribuiti a Jacopo da Bologna (taccuino di Lille), si propensi a ritenere queste invenzioni di ambito bolognese-emiliano.

Collocazione

Pavia (PV), Musei Civici di Pavia

Credits

Compilazione: Aldovini, Laura (2011)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).