Santa Cecilia

Dente, Marco da Ravenna; Raimondi, Marcantonio; Sanzio, Raffaello

Santa Cecilia

Descrizione

Identificazione: Santa Cecilia patrona della musica

Autore: Dente, Marco da Ravenna (1493 ca.-1527), incisore; Raimondi, Marcantonio (1482 ca.-1534 ca.), inventore; Sanzio, Raffaello (1483-1520), inventore

Cronologia: post 1515 - ante 1527

Oggetto: stampa smarginata

Soggetto: sacro

Materia e tecnica: bulino

Misure: 91 mm x 265 mm (parte incisa)

Notizie storico-critiche: L'incisione riproduce in controparte il bulino di Raimondi derivante dal dipinto di Raffaello raffigurante l'Estasi di Santa Cecilia, realizzato su commissione di Elena Buglioli dall'Oglio, una nobile bolognese, per una cappella della chiesa di San Giovanni in Monte. La stampa di Raimondi, ricordata gi da Vasari come "bellissima carta" (cfr. Vita di Marcantonio, ediz. Bettarini-Barocchi, V, p. 11), venne realizzata probabilmente sulla base di un disegno preparatorio di Raffaello, oggi perduto (ma si veda il foglio attribuito a Giovan Francesco Penni conservato a Parigi, Petit Palais, coll. Dutuit, inv. 980; cfr. M. Faietti in Un sicle de dessin Bologne 2001, pp. 47-50 n. 9). Come per altre incisioni attribite a Marco Dente, non certo che derivino dalle versioni di Raimondi, ma piuttosto che siano entrambe incise sulla base dei disegni originali di Raffaello. Si spiegherebbero cos alcune vistose differenze come la disposizione degli angeli in alto. Per le numerose copie o altre versioni si veda Imolesi Pozzi 2008.
Per l'altra versione anonima, di cui un esemplare si conserva presso i Musei Civici, si veda la scheda relativa all'inv. St. Mal. 1730.

Collocazione

Pavia (PV), Musei Civici di Pavia

Credits

Compilazione: Aldovini, Laura (2011)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).