DISEGNO del non men improviso che felice PASSAGGIO, che fecero i soldati imperiali / di là della Secchia, nella Lombardia [...] - Accuratissimo Disegno della sanguinosa battaglia, seguita li 19. Ottobre dell'anno 1734. / appresso Guastalla [...]

DISEGNO del non men improviso che felice PASSAGGIO, che fecero i soldati imperiali / di là della Secchia, nella Lombardia [...] - Accuratissimo Disegno della sanguinosa battaglia, seguita li 19. Ottobre dell'anno 1734. / appresso Guastalla [...]

Descrizione

Identificazione: ACCAMPAMENTI MILITARI PRESSO QUISTELLO E GUASTALLA

Cronologia: post 1735

Oggetto: stampa

Soggetto: cartografia

Materia e tecnica: calcografia

Misure: 450 mm x 560 mm (Parte incisa)

Notizie storico-critiche: La carta - un'incisione in rame - si presenta divisa in due settori, entrambi caratterizzati da doppia titolazione e doppia didascalia in lingua tedesca e italiana: il superiore è dedicato alla dislocazione degli eserciti gallo-sardo e imperiale nel territorio presso San Benedetto Po, l'inferiore rappresenta la battaglia di Guastalla, ultimo grande scontro della Guerra di Successione Polacca (1734).
Il disegno, molto nitido e finemente inciso, restituisce chiaramente e in modo vivace la dislocazione delle armate e descrive con accuratezza le fasi salienti delle operazioni belliche, illustrate nella legenda posta in calce all'immagine; l'abitato di Guastalla, posto nella seconda figurazione, è visto in prospettiva a volo d'uccello e circondato da mura bastionate.
Responsabile dell'esemplare, realizzato nel 1735, è la ditta di Norimberga Homann (si veda la firma "Homannischen Erben" ossia "Eredi Homann"), guidata da Johann Georg Ebersperger (1695-1760), parente di Johann Cristoph Homann (a sua volta figlio del fondatore Johann Baptist Homann).

Collocazione

Mantova (MN), Museo della Città

Credits

Compilazione: Marocchi, G. (2009)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).