DOMINIO VENETO / NELL'ITALIA.

DOMINIO VENETO / NELL'ITALIA.

Descrizione

Identificazione: CARTA DELLO STATO VENETO

Cronologia: post 1635 - ca. 1665

Oggetto: stampa colorata a mano

Soggetto: cartografia

Materia e tecnica: acquerello; calcografia

Misure: 500 mm x 385 mm (Parte incisa)

Notizie storico-critiche: Come riportato nel titolo in alto al centro, inserito all'interno di una cornice rettangolare abitata da due putti ai lati e caratterizzata da un ricco nastro avvolto su tre lati della stessa, la carta (un'incisione in rame?) rappresenta il territorio dello Stato Veneto. Il colore, brillante e ben conservato, ricorre all'interno dell'immagine cartografica e nell'apparato decorativo della carta, costituito - oltre che dalla cornice centrale del titolo - da alcuni altri elementi: all'angolo superiore sinistro compare l'immagine del Leone di San Marco all'interno di un elegante scudo araldico arricchito da nastri ai lati; all'angolo superiore opposto, una seconda cornice sormontata da un globo e due putti con compasso è dedicata alle scale. Nel Golfo di Venezia, infine, sono disegnate alcune imbarcazioni, tra cui un veliero. Nelle volute del cartiglio avvolto attorno alla cornice centrale del titolo compaiono i nomi di tutti i vari territori costituenti il "Dominio Veneto".
Come anche indicato da due pagine di testo in lingua francese sul retro del foglio, intitolate " REPVBLIQUE. / DE / VENISE / EN ITALIE" (la facciata destra riporta il numero "31" in alto e presenta un elegante capolettera), la carta era originariamente parte di un'edizione francese dell' "Atlas Novus" di W.J. Blaeu, conosciuto anche come "Theatrum Orbis Terrarum": pubblicato per la prima volta ad Amsterdam nel 1635 in due volumi, l'opera - tra le più note del cartografo ed editore olandese - conobbe numerose edizioni e ampliamenti ad opera dei figli e continuatori dell'attività di Willem Janszoon Blaeu, Cornelis e Johan. Secono la critica, la carta è databile nell'arco temporale compreso tra la prima edizione dell'opera e il 1665 circa.

Collocazione

Mantova (MN), Museo della Città

Credits

Compilazione: Marocchi, G. (2009)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).