Lombardia Beni Culturali
67

Sententia

1152 aprile 7, Verona.

Alla presenza di Alberto, podestà di Verona, i giudici Enrico de Cortinis e Moscardo, sulla base delle motivazioni addotte nella sentenza emanata da Paltonario in favore del monastero di S. Pietro in Monte, condannano Boniverto, Gislimerio, Turrisano e Martino alla restituzione delle terre elencate negli istrumenti menzionati nella predetta sentenza. Nello stesso giorno condannano Paolo e Accarino de Lazesio a pagare all'abate di S. Pietro in Monte trenta soldi milanesi. Dal canto suo Scrignato, messo del predetto podestà, è delegato a immettere l'abate nel possesso materiale delle terre.

Originale, ASVat, FV, I, 2653 (SPM, 52) [A].

Trascrizione incompleta: CASTAGNETTI, Le comunità della regione gardense, p. 100, n. 2; CASTAGNETTI, Le città, pp. 91, 137.

Il doc. è preceduto sulla stessa pergamena dal n. 66.

§ Die lune .VII. intrantis (a) ap(re)lis. In ecclesia Sancti Si|monis. Henricus et Muscardus c(on)de(m)naverunt, per eas raciones quas (b) viderant (c) et audierant in iudicio a partibus, Bonivertum et Gislimerium, | Turrisianum et Martinum restituere id totum quod tenebant de terris que c(on)tinentur in stumentis (d), quorum mencio fit sentencia Paltonarii (1) | Benedicto abati Sancti Petri Montis (e). Eodem die idem iudices c(on)de(m)naverunt Paulum et Acarinum de Lazesio dare predicto | abati .XXX. sol(idos) Mediolani. Coram Alberto potestate Verone (f) (2) .MCLII. Ego Henricus de Cortinis iudex huius litis | hanc sentenciam tuli cum supradicto socio meo et scripsi (g). Scrignatus (h), missus d(omi)ni Alberti potestatis (i), datur ab ipso abati ut mittat abatem i(n) possesionem predicte terre (j).
§ Testes sentencie huius (k): Ermannus causidicus Brixie (l), Gandulfus de Calcinado, Zeno de Maderno, Mar|chio et (m) Mazulus et Raimundus de Nuvolento, Grugnus Porci, Iohannes de (n) Ortis, Martinus (o) filius | Albizonis (p).


(a) Nel sopralineo, in corrispondenza di -tr-, rasura dello spazio di una lettera.
(b) quas nel sopralineo.
(c) -e- corr. da altra lettera.
(d) Così A.
(e) -o- nel sopralineo.
(f) L'ultima e corr. da altra lettera.
(g) A tuli et (nota tironiana) scripsi cu(m) sup(r)adicto socio meo con segni di richiamo per l'inversione.
(h) Meno probabile la lettura Serignatus.
(i) Segue d depennato.
(j) te- su rasura, come pare.
(k) h- nel sopralineo.
(l) La prima i corr. da altra lettera.
(m) et (nota tironiana) nel sopralineo.
(n) -e corr. da a.
(o) Tra -r- e -t- lettera coperta da macchia ed espunta.
(p) Scrignat(us) - Albizonis nella parte corrispondente del 'verso'.

(1) Doc. 66.
(2) Su Alberto Tenca, cf. CASTAGNETTI, Le città, ad indicem.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS