Lombardia Beni Culturali
76

Breve protestationis coram populo

1167 settembre 28.

Raimondo, vescovo di Brescia, nel consacrare la chiesa di S. Michele di Drugolo, assicura coram populo che non intende rivendicare i diritti giurisdizionali che gli sarebbero spettati a motivo di tale consacrazione, lasciando che quelli di S. Pietro in Monte, la pieve di Bottenago e i chierici della medesima chiesa di S. Michele continuino a esercitare i loro rispettivi diritti.

Originale, ASVat, FV, I, 2663 (SPM, 62) [A]. Nel verso, di due mani coeve: De Druvo[lo], De D[r]uvolo; di due mani del sec. XIV: Ca[rtula] ecclesie de Dru[volo], In Padengolis; altre annotazioni tarde, tra cui segnatura del sec. XVI: 1167 3 septembris (il millesimo è mutuato da annotazione di poco anteriore).

Trascrizione: GUERRINI, Il monastero, p. 225, n. 13.
Cf. GUERRINI, Il monastero, p. 180; BONFIGLIO DOSIO, Condizioni economiche, p. 153 (nota 227).

In differenti parti della pergamena compaiono circoscritte abrasioni e sbiadimento di alcune porzioni di scrittura, mentre danni più rilevanti (macchie e cadute della membrana) sono stati provocati dall'umidità nella zona destra, con significativi coinvolgimenti del dettato.
Sui non facili rapporti tra il monastero e la chiesa di S. Michele di Drugolo, cf. doc. del 1229 gennaio 29, in ASVat, FV, I, 2908.

(SN) In nomine domini nostri Iesu Cristi. Ea (a) quidem que bonis moribus ordinantur, ne in contemption[em] | et dubitationem valeant processu t(em)poris devenire, ad posterorum memoriam scripture fide[i] | comittatur. Anno itaque ab incarnatione domini nostri Iesu Cristi .MCLXVII., i[n]d[ictione] .X[V]., d[ie iovis] | qui erat tertio exeunte mense sete(m)bris, cum d(omi)nus venerabilis Brixiensis episcopus Raimo[n]dus (1) consecretur e|clesiam Sancti Michaelis de Druvulo coram universo populo ibi astante, publice protestatus est quod prop[ter] | consecrationem nulli ius aufere volebat quod in [e]a secundum iuris rationem poterat in aliquo t(em)pore si[bi vin]|dicare, set unicuique sibi suam iustitiam omnino servabat, tam illis scilicet de Sancto Petro de M[onte] | qua(m)que etiam plebi de Botenacha et clericis ipsius ecclesie Sancti Michaelis. Unde duo brevia un[o tenore] | confeci. Ia(m)dictus d(omi)nus episcopus me Ottone notarii ipsius actoritate facere rogavit. Huic aut[em][ [......] ]| plures testes interfuere, silicet do(m)pnus Wido archidiaconus, sacerdos La(n)fra(n)cus Pera, Teutald[us] | archipresbiter plebis Nove, Crassus et Fregerius (b) ipsius plebis clerici, Aicardus archipresbiter Leonadi, Iohannes | sacerdos de l'Arzacha, Albertus sacerdos dicti Sancti Petri de Monte, Saccus clericus plebis Monteclari, Vital[is] | germanus condam archipresbiteri de Leonado atque Mannus de Aicha, La(n)fra(n)cus et Saccus ipsius fil[i]us, Girardus de [....], | Gandulfus Ferarius et Marchisius ipsius nepos de prefato loco Druvulo. (SN) Ego Otto actoritate supradicti d(omi)ni Raimondi Brixiensis episcopi notarius interfui et [ro]ga[tus scripsi].


(a) Ea su rasura.
(b) La prima r nel sopralineo, con segno di richiamo.

(1) Cf. doc. 70, nota 1.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS