Palazzo Landi - complesso

Caselle Landi (LO)

Indirizzo: Via Castello, 29 (Nel centro abitato, in posizione dominante) - Caselle Landi (LO)

Tipologia generale: architettura per la residenza, il terziario e i servizi

Tipologia specifica: palazzo

Configurazione strutturale: Fronte principale con massiccio torrione sormontato da una torretta belvedere in corrispondenza dell'ingresso.

Epoca di costruzione: 1523 - 1533

Autori: Castagna Antonio, costruzione (capomastro); Zetto Bertolino, costruzione (capomastro)

Uso attuale: corpo (A, B, C, D): in disuso; corpo (E): laboratorio; intero bene: in disuso

Uso storico: intero bene: abitazione

Condizione giuridica: proprietÓ privata

Riferimenti bibliografici

Bonfanti G., Caselle del Po, Caselle Landi : un paese sul Po, Caselle Landi 1995

Conti F./ Hybsch V./ Vincenti A., I castelli della Lombardia : Province di Milano e Pavia, Novara 1990, v. I p. 46

Fonti e Documenti

Archivio di Stato di Milano, Catasto, cart.3102, Mappe Carlo VI, Caselle Landi, 1720, f. 19

Archivio di Stato di Milano, Catasto, cart. 26, Descrizione dei beni di seconda stazione, XVIII secolo.

Archivio di Stato di Milano, Catasto, cart.3082,Tavole del Nuovo Estimo,1811.

Archivio di Stato di Milano, Catasto, cart.8908, annotatorio privato dello stimatore, 1855.

Archivio di Stato di Milano, Catasto, cart. 2440, Mappe Catasto Lombardo Veneto, Caselle Landi, 1867-87, f.16

Archivio di Stato di Milano, Catasto, cart.8906, Annotatorio privato dello stimatore, 1880.

Archivio di Stato di Milano, Catasto, cart. 1198, Catasto dei terreni e dei fabbricati, 1887.

Archivio di Stato di Milano, Catasto,cart. 106, Mappe Cessato Catasto, Caselle Landi, 1897-1902, f. 16

Credits

Compilazione: Moioli, Rossella (2000)

Aggiornamento: Bonora, M. (2000); Vergani, Cristina (2007)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).