Pila del Castello di Sartirana

Sartirana Lomellina (PV)

Indirizzo: Piazza Ludovico da Breme 3 (Nel centro abitato, integrato con altri edifici) - Sartirana Lomellina (PV)

Tipologia generale: architettura rurale

Tipologia specifica: mulino

Configurazione strutturale: L'edificio della pila Ŕ un corpo rustico a due piani fuori terra, in muratura di mattoni pieni con spessore medio al piede di circa 0,60 m e minimo in sommitÓ di 0,40 m. Le coperture sono realizzate da travi e travetti in legno con pianelle sottocoppo o lastre tipo onduline e nella maggior parte con sottocoppo in assito. I collegamenti verticali sono in tutto 7. Le scale originarie hanno strutture portanti in mattoni e beola, le scale esterne di sicurezza sono in ferro. I pavimenti interni sono in cotto mentre la pavimentazione esterna del cortile Ŕ realizzata in ciottoli e ammattonato. L'edificio in pianta forma una C irregolare che si apre in direzione del castello a formare un cortile porticato. Si articola in tre corpi di fabbrica contigui e intercomunicanti: il corpo principale, situato nell'angolo sud-est del cortile e contiguo all'androne d'ingresso, il secondo corpo completa il lato sud della Pila, il terzo corpo Ŕ posto sull'angolo nord-ovest del cortile.

Uso attuale: intero bene: museo/ esposizione

Uso storico: intero bene: pila/ mulino

Condizione giuridica: proprietÓ privata

Riferimenti bibliografici

Locatelli C., Sartirana. Cenni storici, Pieve del Cairo 1959, vol unico pp. 45-60

Forni G., Al Castello di Sartirana giovane arte contemporanea "Vigevano mese", 1987, 49-53

Conti F./ Hybsch V./ Vincenti A., I castelli della Lombardia, Novara 1990, 166-167

Credits

Compilazione: Marino, Nadia (2001); Perani, Germana (2001); Vergani, Cristina (2001)

Aggiornamento: Marino, Nadia (2014)

Fotografie: Marino, Nadia

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).