Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea (GAMeC) - complesso

Bergamo (BG)

Indirizzo: Via San Tommaso, 53 (Nel centro abitato, integrato con altri edifici) - Bergamo (BG)

Tipologia generale: architettura per la residenza, il terziario e i servizi

Tipologia specifica: museo

Configurazione strutturale: Edificio in muratura di pietrame e laterizio, a sviluppo longitudinale. Presenta sul fronte strada verso Via Tommaso, tracce di apertura quattrocentesche in pietra squadrata e di affreschi e nella fronte interna del corpo pi¨ a monte un portico ad archi ribassati con capitelli del quattrocento e portali con cornici in pietra. Al piano terreno vi sono molti locali coperti a volte a botte e a crociera, mentre i piani superiori presentano solai con strutture lignea. Presso i corridoi e l'ingresso solai lignei e volte in muratura

Epoca di costruzione: sec. XV - sec. XX

Descrizione

La Galleria di Arte Moderna e Contemporanea (GAMeC) Ŕ ospitata nel vasto complesso di un ex monastero a Bergamo Bassa, proprio di fronte all'Accademia Carrara. Il suo lungo prospetto, verso la piazza, varia dai tre ai quattro piani e mostra la stratificazione degli edifici che la compongono. La parte centrale Ŕ particolarmente ricca di elementi architettonici storici, proprio a sinistra dell'accesso principale troviamo tre arcate murate, definite da conci ben squadrati, di fattura quattrocentesca, mentre alla sua destra sono visibile altri due piccoli portali della stessa tipologia. L'ingresso secondario avviene invece attraverso un alto portale architravato, di gusto settecentesco, con alta cornice aggettante. Notevole la spazialitÓ del cortile interno che consente di cogliere appieno la grandezza dell'insieme e fa risaltare la scultura dei grandi amanti di Giacomo Manz¨ posta proprio di fronte all'accesso. Le sale espositive hanno conservato la loro storicitÓ, soprattutto a piano terra con le strutture a volto o con le travature lignee, garantendo un perfetto dialogo con le opere ospitate di arte moderna e contemporanea. Le collezioni permanenti contengono opere di artisti italiani e stranieri del XX secolo come: Boccioni, Balla, Morandi, Manz¨, Campigli, Casorati, Savinio, De Chirico, De Pisis, Sironi, Kandinskij, Richter, Sutherland, Baj, Burri.

Notizie storiche

La Galleria di Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo (GAMeC) Ŕ stata fondata nel 1991 per valorizzare, incrementare e promuovere il patrimonio dell'Accademia Carrara del XX secolo con attivitÓ e manifestazioni che favoriscano la promozione culturale al fine di diventare un riferimento per l'arte contemporanea a livello nazione ed internazionale. L'intenzione primaria Ŕ stata quella di creare un quartiere dell'arte che potesse comprendere la Pinacoteca di Arte Antica, l'Accademia di Belle Arti e la GAMeC. Per questo Ŕ stato restaurato l'ex Monastero quattrocentesco, delle Dimesse e poi delle Servite, che si trova proprio di fronte all'edificio neoclassico che ospita la Pinacoteca dell'Accademia Carrara. Dal giugno 1999, con l'acquisizione della Raccolta Gianfranco e Luigia Spajani, GAMeC collabora attivamente con musei e centri d'arte contemporanea internazionali. Tra le collaborazioni pi¨ strette, quella con lo SMAK di Gent, la Fundaciˇn Joan Mir˛ di Brcellona, la Fundaciˇn PROA di Buenos Aires, il Kunsthaus di Bregenz, il MusÚe national d'art moderne - Centre Georges Pompidou di Parigi, il CIAP - Centre International d'Art & du Paysage di ╬le de VassiviŔre, la Malm÷ Konsthall di Malm÷ e la Mucsarnok Kunsthalle di Budapest. ╚ inoltre promotrice e fondatrice di AMACI, associazione che riunisce i pi¨ importanti musei d'arte contemporanea italiani.

Uso attuale: intero bene: museo

Uso storico: intero bene: monastero; intero bene: caserma

Condizione giuridica: proprietÓ Ente pubblico territoriale

Accessibilità: Visibile negli orari di apertura del museo

Credits

Compilazione: Tiraboschi, Diego (2003)

Aggiornamento: Bigoni, Federica (2007); Morandini, Lucia (2014)

Descrizione e notizie storiche: Morandini, Lucia

Fotografie: Morandini, Lucia

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).