Palazzo Comunale

Sesto Calende (VA)

Indirizzo: Piazza Mazzini, 1 - Sesto Calende (VA)

Tipologia generale: architettura per la residenza, il terziario e i servizi

Tipologia specifica: palazzo

Configurazione strutturale: L'edificio, ubicato nel centro storico, occupa un intero isolato e presenta un impianto ad "E" organizzato su due corti interne aperte verso il Ticino e delimitate da balaustre in cemento decorativo. I corpi di fabbrica lungo il lato ovest e nord sono sviluppati su due piani di altezza, mentre lungo il lato meridionale vi Ŕ un piano interrato ricavato grazie alla pendenza del terreno. Le facciate sul lato occidentale e sul lato settentrionale sono scandite da un doppio ordine di lesene e sono caratterizzate da un motivo a finto bugnato al piano terra. Le aperture lungo i fronti sono sottolineate da cornici in cemento decorativo. La facciata ovest Ŕ completata da un attico con al centro lo stemma del comune mentre sul lato nord vi sono due portali centrali con soprastanti balconi. L'edificio Ŕ composto da una struttura in muratura rivestita da intonaci e presenta all'interno solai piani. La struttura di copertura Ŕ composta da travi in legno e soprastante manto in tegole marsigliesi

Epoca di costruzione: ultimo quarto sec. XIX - prima metÓ sec. XX

Uso attuale: ala occidentale: municipio; ala orientale piano terra: biblioteca; ala orientale primo piano e piano rialzato: museo

Uso storico: intero bene: municipio e scuole

Condizione giuridica: proprietÓ Ente pubblico territoriale

Riferimenti bibliografici

Cacciari E., Sesto Calende e la sua rinascita, Sesto Calende 1930

Caramella L., La raccolta archeologica e il territorio, Il Museo Civico di Sesto Calende, Gallarate 2000, pp. 13-19

Squarzanti M., Alle origini di Varese e del suo territorio. Le collezioni del sistema archeologico provinciale, Il Museo Civico di Sesto Calende, Roma 2009, pp. 371-375

Credits

Compilazione: Leoni, Marco (2013)

Fotografie: Leoni, Marco

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).