Steiner Carlo (sec. XX)

fondo | livello: 1

Conservatore: Università degli Studi di Pavia. Centro di ricerca interdipartimentale sulla tradizione manoscritta di autori moderni e contemporanei (Pavia, PV)

Produttore fondoSteiner Carlo (sec. XX)

Progetto: Università degli Studi di Pavia: repertorio degli archivi letterari lombardi del Novecento (2005 - 2007)

Consistenza: 5 faldoni

Contenuto: Il fondo comprende 5 faldoni contenenti oltre 60 quaderni autografi di C. S. e altri materiali mss., dss., e a stampa, sciolti o raccolti in buste e cartelline, suddivisi come segue: ► faldone 1: 28 quaderni e un blocco; ► faldone 2: 3 quaderni, un blocco e varie cartelline e buste contenenti fogli mss. e dss. di poesie e testi narrativi; il ds. e le bozze di stampa della raccolta di poesie Stella separata (postuma, 1980); il ds. rilegato di Lampi al magnesio; ► faldone 3: 23 quaderni e due agende mss. degli anni 1969 e 1976; ► faldone 4: 4 quaderni, varie cartelline e buste contenenti poesie mss. e dss. e ritagli di giornale; una busta contenente 3 lettere, di cui una di Rossana Bossaglia a C. S., una di Ugo Bicchi alla Bossaglia, e una di Nuccia Trezzi a C. S.); l'edizione di Stella separata. Poesie 1949-1963 (Pavia, Fusi, 1980), a cura di Rossana Bossaglia; ► faldone 5: 11 quaderni, un'agenda del 1970 e un'agendina del 1977 con appunti mss., alcuni fogli sparsi, alcune fotografie, alcune lettere a Giorgio du Ban. Nel primo faldone √® contenuta una lettera di Rossana Bossaglia a Cesare Segre, nella quale viene illustrato il contenuto del fondo, e un autografo di Anna Maria (Ninon) Ungaretti con una poesia inedita di R. M. Rilke.

Storia archivistica: Donato nel maggio del 2002 da Rossana Bossaglia.

Strumenti di ricerca

Elenco materiali Steiner
[Elenco dei materiali del fondo Carlo Steiner]

Compilatori
Silvia Albesano

espandi | riduci

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).