Societą Ceramica Italiana (1883 - 1965)

Sede: Laveno Mombello

Tipologia ente: ente economico/impresa

Progetto: Comune di Laveno Mombello: fondo Societą Ceramica Laveno

La costituzione del nucleo industriale dal quale doveva in seguito originarsi la Societą Ceramica Italiana risale al 1856, quando i signori Carnelli, Caspani e Revelli, fondano a Laveno (VA) la societą ceramica C.C.R. , nei capannoni della ex vetreria Franzosini.
Nel 1865 l'impresa, in seguito alla morte di Caspani, assume la denominazione di Carnelli, Revelli, Casati e in pochi anni lo sviluppo produttivo viene incrementato al punto che si rende necessario l'acquisto di uno stabile di proprietą demaniale in localitą San Michele, nel quale č trasferita parte delle maestranze .
La manifattura diventa ufficialmente Societą Ceramica Italiana S.p.A. nel 1883 mentre, nel 1885, Revelli abbandona la S.C.I. per fondare la Societą Ceramica Revelli in territorio di Mombello (VA), specializzata nella produzione di terraglia semiforte .
Il reparto di San Michele viene chiuso ed incorporato allo stabilimento originario Lago nel 1898, mentre l'industria si dota di energia elettrica attraverso l'installazione di una piccola turbina al Mulino Boesio.
Dal 1896 al 1916 č direttore dell'azienda Tommaso Bossi, affiancato nell'attivitą amministrativa e finanziaria dall'avvocato Antonio Casanova; dopo la morte di Bossi la direzione generale passa all'ingegner Luciano Scotti, sindaco e poi podestą di Laveno nel decennio dal 1924 al 1934.
Un successivo ampliamento della manifattura si registra a partire dal 1925, quando vengono costruiti i Magazzini Generali del Ponte, raccordati con le Ferrovie dello Stato di Laveno, e dei Mulini Boesio per la preparazione della pasta bianca e refrattaria; entrambi gli stabilimenti sono collegati al nucleo originale della Lago attraverso un treno elettrico.
Negli stessi anni, sulla base di un'intesa con la Porzellanfabrik Rosenthal di Selb (Baviera) viene costruito anche lo stabilimento Verbano, destinato inizialmente alla fabbricazione di isolatori in porcellana, ed in seguito (1931) avviato alla produzione di porcellana da tavola .
Nel 1935 viene installato a Laveno il forno elettrico continuo a galleria per alte temperature pił vasto d'Europa.
Tra il 1947 e 1950 la societą promuove la costruzione di una colonia marina per i figli dei dipendenti, la "Casa al mare" di Marina di Pietrasanta (LU) e la fondazione della Scuola Professionale per Ceramisti, diretta dal professor Ambrogio Nicolini e trasformata nel 1957 in Scuola di Avviamento Professionale Statale.
Lo stabilimento Ponte si dota in quegli anni di un nuovo reparto per la lavorazione di articoli in terraglia forte ed acquisisce parallelamente dalla Lago la produzione di articoli domestici.
Risale al 1952 l'avvio dell'attivitą della consorella argentina della S.C.I., la "Porcelanas Verbano" di Rosario di Santa Fč, dove confluiscono diverse maestranze lavenesi.
Dai documenti e dai colloqui avvenuti con l'Ing. Renato Meregalli emerge come l'attivitą della ditta si articolasse anche in una serie di partecipazioni societarie (Societą Nazionale del Caolino, Immobiliare Cerab S.p.a., AILAI, Mega Costruzioni, Societą Esercizi Aeroportuali S.p.a., SACELT, Societą Cave Feldspato, SISBA).
Nella seconda metą degli anni Cinquanta si assiste ad una serie di eventi significativi per la storia aziendale, in particolare lo sciopero dei dipendenti e la morte dell'ingegner Scotti nel 1956 e l'incendio dei magazzini dello stabilimento Ponte nel 1958; la carica dirigenziale ricoperta dallo Scotti viene affidata al figlio Annibale, affiancato dagli ingegneri Meregalli e Chiodi e dall'avvocato Tinelli.
Nel 1959 viene chiuso il reparto piastrelle della Lago ed avviata una specifica produzione di articoli sanitari e "fantasia".
Una svolta determinante nella storia dell'azienda si verifica nel 1965, quando nasce la Societą Ceramica Italiana Richard-Ginori S.p.A. in seguito alla fusione con il gruppo Richard-Ginori .

Bibliografia
- Biffi Gentili 1998 = E. Biffi Gentili, Antonia Campi - antologia ceramica 1947-1997
- Guido Andloviz, catalogo della mostra = Guido Andloviz designer e direttore artistico per quarant'anni di ceramica industriale italiana: 1923-1961. Introduzione di R. Bossaglia, catalogo della mostra, (Grado, 1 maggio - 31 agosto 1995)
- Macchione 1989 = P. Macchione, Una provincia industriale. Miti e storia dello sviluppo economico tra Varesotto e Alto Milanese, vol. 2 (XX secolo), Lativa, Varese 1989
- Musumeci, Paoli 2005 = G. Musumeci, L. Paoli, Laveno e le sue ceramiche: oltre un secolo di storia, Edizioni Marwan, Mesenzana 2005

Compilatori
Carminati Massimiliano, Archivista
Peregalli Stefania, Archivista
Forlani Mila, Archivista