Osram spa - SocietÓ Riunite Osram Edison Clerici [numero REA: 15385 Mi] (1897 -)

Altre denominazioni:
Soc. Edison per la fabbricazione delle lampade ing. C. Clerici e C.

Sede: Milano

Tipologia ente: ente economico/impresa

Progetto: Centro per la cultura d'impresa: censimento descrittivo degli archivi d'impresa della Lombardia

Numero REA: 15385 Mi

Ragione sociale/forma giuridica/capitale sociale e settore di attivitÓ iniziali:
Soc. Edison per la fabbricazione delle lampade ing. C. Clerici e C. - societÓ in accomandita semplice - L. 170.000 - 31.50

Ragione sociale/forma giuridica/capitale sociale e settore di attivitÓ finali:
Osram spa - SocietÓ Riunite Osram Edison Clerici - societÓ per azioni - L. 50.000.000.000 - 31.50; 32.10; 51.19.0.1

Profilo storico
La societÓ venne costituita nel 1897 per iniziativa di uno dei pionieri dell'industria elettrica italiana - l'ingegnere lombardo Carlo Clerici - allo scopo della produzione di lampade elettriche a filamento metallico, grazie all'acquisizione dei diritti sul brevetto originale americano Edison. Il successo fu immediato, tanto che l'azienda guidata dal Clerici in breve divenne la maggior produttrice italiana di lampade e fu indotta ad allargare la propria attivitÓ fondando gli stabilimenti di Bologna e di Rovereto, ai quali si aggiunse quello di Alpignano in Piemonte.
Nell'immediato primo dopoguerra, dopo che la celebre "lampada Z" aveva conquistato il mercato nazionale, la societÓ pass˛ sotto il controllo dell'americana "International General Electric" modificando nel contempo la denominazione in "Soc. Edison Clerici". Nel 1930, dopo che era entrato in funzione l'impianto di via Savona a Milano, in base ad accordi bilaterali l'azienda entr˛ nella costellazione della tedesca "Osram", un vero e proprio colosso del settore, modificando nuovamente la ragione sociale nell'attuale. L'ingresso dell'azienda di Berlino nella consociata italiana non tard˛ a contribuire alla crescita di quest'ultima, grazie anche al trasferimento di tecnologie e di brevetti. Negli anni seguenti, infatti, la crescita dell'impresa milanese fu esponenziale, anche in seguito al lancio di una serie di nuovi prodotti destinati ad ogni esigenza di illuminazione. Nell'immediato dopoguerra, dopo che lo stabilimento era stato devastato dai bombardamenti, la societÓ passo sotto il controllo della "Edison" e della "CGE". Nel 1958 vennero ristabiliti i normali rapporti con la societÓ tedesca, a cui seguý l'acquisizione della fabbrica "Radio" di Torino. Negli anni seguenti lo stabilimento di via Savona fu rimodernato (verrÓ chiuso per motivi di razionalizzazione e concentrazione produttiva nel 1990) e furono inaugurati gli impianti di Treviso (1968) e di Bari (1972) - quest'ultimo facente capo alla controllata "Osram Sud" - a cui si aggiunse nel 1990 il modernissimo centro logistico di S. Giuliano Milanese. Nell'ultimo decennio, infine, la gamma produttiva si Ŕ oltremodo ampliata, andando a comprendere lampade utilizzate nelle applicazioni pi¨ svariate.

Note: A Milano Osram conserva la sua sede legale e direzione, mentre lo stabilimento Ŕ collocato a Treviso. La Osram controlla anche una societÓ meridionale, la Osram Sud Spa con sede e stabilimento a Modugno (Ba).

Data aggiornamento: 10/01/2000
Autore della scheda: Geoffrey Pizzorni