Fonderia getti speciali Colombo Giuseppe di Carlo & Figli spa [numero REA: 271814 Mi] (1938 -)

Altre denominazioni:
Fonderia Getti Speciali Colombo Giuseppe

Sede: San Giorgio su Legnano

Tipologia ente: ente economico/impresa

Progetto: Centro per la cultura d'impresa: censimento descrittivo degli archivi d'impresa della Lombardia

Numero REA: 271814 Mi

Ragione sociale/forma giuridica/capitale sociale e settore di attivitÓ iniziali:

Fonderia Getti Speciali Colombo Giuseppe - ditta individuale - - 27.51

Ragione sociale/forma giuridica/capitale sociale e settore di attivitÓ finali:

Fonderia Getti Speciali Colombo Giuseppe di Carlo & Figli spa - societÓ per azioni - Lit. 1.200.000.000 - 27.51

Profilo storico

L'attuale 'Fonderia Getti Speciali Colombo Giuseppe di Carlo & Figli' rappresenta una filiazione di una precedente industria attiva a San Giorgio su Legnano, la fonderia che Carlo Colombo fond˛ nei primi anni del '900 e che conobbe un buon successo nella lavorazione della ghisa. Questa azienda, che negli anni venti poteva contare circa 300 dipendenti, fu coinvolta dagli effetti della crisi del '29, quando perse i suoi maggiori clienti. Allora la 'Carlo Colombo' fu acquisita da nuovi soci e Giuseppe Colombo, uno dei figli di Carlo, vi lavor˛ come dipendente fino al 1938. In quell'anno rilev˛ un'azienda fallita per creare un'industria che volle indirizzare subito nella produzione di leghe altamente resistenti. Questa specializzazione produttiva ha consentito alla societÓ non solo di prosperare (come mostrano, ad esempio, i mutamenti nella struttura societaria, il primo, del 25 marzo 1965, quando fu costituita come societÓ in nome collettivo con capitale di 50.000.000 di lire; il secondo, del 30 dicembre 1972, quando si trasformo in spa con un capitale di 120.000.000 di lire), ma anche di superare gli effetti della crisi che investi il settore siderurgico alla fine degli anni '80. Oggi la ditta annovera tra i suoi maggiori clienti industrie del settore elettrico, in particolare ENEL e Ansaldo.

Data aggiornamento: 10/01/2000

Autore della scheda: Andrea Moroni