Aratro

ditta Martinelli (officina meccanica)

Aratro

Descrizione

Autore: ditta Martinelli (officina meccanica), intero attrezzo

Ambito culturale: ambito emiliano, Emilia Romagna

Categoria: attivitÓ agro-silvo-pastorali

Tipologia: aratro

Materia e tecnica: ferro-acciaio (tempratura, tornitura, piegatura, fresatura, saldatura, affilatura)

Misure: 85 cm x 230 cm

Descrizione: Attrezzo interamente in ferro e acciaio formato da una barra orizzontale (bure) alla quale Ŕ innestato a perpendicolo un coltello (coltro, dial. c˛ltra) seguito da una larga lama d'acciaio a curvatura asimmetrica (dial. scartÓda) a forma di orecchio con una lama affilata sul suo lato inferiore (vomere, dial. gomŔr). Dalla curvatura posteriore della bure si dipartono due stecche (stegole, dial. brÓns) piegate a S, che terminano nelle impugnature dell'aratro: quella di sinistra Ŕ protetta da un paramano e quella di destra Ŕ unita ad una corta leva collegata ad un filo di ferro che corre lungo tutta la bure e comanda la frizione dell'ingranaggio posto sul carrello (barusÚt) che regola l'altezza del mozzo delle 2 ruote raggiate anteriori nonchŔ lo sgancio del versoio a solco ultimato. Il carrello posteriore forma un corpo a parte, veniva utilizzato per reggere la scartÓda quando la si doveva spostare su strada, le sue 2 ruote sonodi raggio inferiore a quelle del barusÚt.

Notizie storico-critiche: P. Scheuermeier (1980 vol. I/ p. 101-102), riferendosi all'Italia degli anni '20 del secolo scorso, scrive: "In molti luoghi i moderni aratri di ferro hanno sostituito di recente, ma in parte giÓ da decenni, i vecchi o antichi tipi di aratri di legno, grazie alla loro maggiore efficacia, oppure vengono usati assieme ad essi, specialmente nell'Italia settentrionale e centrale, nell'Italia meridionale soprattutto nelle Puglie, dove il nuovo aratro di ferro si chiama 'aratro francese'".

Collocazione

Villimpenta (MN), Collezione privata Francioli Carmen

Credits

Compilazione: Barozzi, Giancorrado (2008)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).