Sessant’anni ben portati

Foto di Uliano Lucas

 

Il 4 aprile del 1960 s’inaugurava a Milano il Grattacielo Pirelli, sede dell’omonima azienda che in quel momento scriveva, così, una delle pagine più alte della rinascita che portò il Paese a superare le distruzioni della Seconda guerra mondiale e ad arrivare da protagonista alla ribalta della scena internazionale. La storia del Grattacielo, voluto da Alberto e Piero Pirelli, concepito dalla forza creativa e innovativa di Gio Ponti, Antonio Fornaroli, Alberto Rosselli, Pier Luigi Nervi, Arturo Danusso, Giuseppe Valtolina, Egidio Dell’Orto, rivive nel volume promosso dalla Giunta e Consiglio della Regione Lombardia e dalla Fondazione Pirelli “Storie del Grattacielo – I 60 anni del Pirellone tra cultura industriale e attività istituzionali della Regione”, edito da Marsilio. Lo compongono le voci delle persone che lo hanno pensato, progettato, realizzato, abitato e vissuto come cittadini della Milano degli ultimi sessant’anni, celebrando la modernità della tecnologia e dell’industria lombarda, dell’istituzione della Regione, che qui ha la sua sede dal 1978, e dell’avanguardia urbanistica del capoluogo.

Alle prefazioni istituzionali di Attilio Fontana, Alessandro Fermi e Marco Tronchetti Provera seguono saggi di approfondimento sulla storia economica e sociale e sull’architettura, a firma di Antonio Calabrò, Alessandro Colombo e Laura Riboldi, e un’intervista a Piero Bassetti, primo presidente della Regione Lombardia.
Una linea del tempo ripercorre oltre sessant’anni di storia della città, della sua cultura, delle sue imprese e delle sue istituzioni, nel contesto della grande storia nazionale e internazionale, con uno sguardo al futuro della metropoli.

Il cuore del libro è costituito da un ricco corpus di immagini: fotografie, illustrazioni e altri documenti originali provenienti dall’Archivio Storico della Fondazione Pirelli e dalla Regione Lombardia; scatti e reportage di maestri come il fotografo Arno Hammacher, Aldo Ballo, Giorgio Calcagni, De Paoli, Paolo Monti, Dino Sala, e di storiche agenzie come Publifoto; campagne pubblicitarie firmate da designer di fama internazionale come Lora Lamm, Riccardo Manzi, Alessandro Mendini, Bruno Munari, Bob Noorda, Pino Tovaglia, Massimo Vignelli, protagonisti del fermento culturale e artistico nella Milano degli anni sessanta.

Il sito della Fondazione Pirelli

Il sito dedicato al libro

Le fotografie che riguardano la Pirelli in LombardiaBeniCulturali

 

Tag: ,

Pubblicato: 20 aprile 2021 [Roberto Monelli]