Decorazione pittorica delle navate e del transetto

Ambrogio da Fossano detto il Bergognone

Decorazione pittorica delle navate e del transetto

Descrizione

Identificazione: Croce adorata da due angeli

Autore: Ambrogio da Fossano detto il Bergognone (1453-1523)

Cronologia: post 1490 - ante 1499

Tipologia: pittura

Materia e tecnica: intonaco/ pittura a fresco

Descrizione: Lungo le lunette delle navate laterali della chiesa di Santa Maria presso San Satiro sono emersi, durante gli ultimi restauri, clipei affrescati. In particolare in una lunetta, nell'ultima campata della navata laterale sinistra che gira nel transetto, riaffiorato un affresco lacunoso raffigurante una Croce adorata da due angeli.
All'interno di un oculo modanato rappresentata una croce ocra sovrastata dal titolo ora illeggibile. Negli spazi laterali della lunetta due angeli, vestiti di lunghe tuniche chiare, sono inginocchiati in venerazione della croce.

Notizie storico-critiche: Fra il 1983 e il 1992 stata avviata una nuova campagna di restauro nella chiesa di Santa Maria presso San Satiro che ha portato a operazioni di pulizia e consolidamento e con la quale si cercato di mantenere memoria, laddove possibile, anche dei vari restauri passati.
proprio con questi ultimi interventi che sono emerse le notevoli decorazioni ad affresco delle lunette delle navate laterali, tra le quali la raffigurazione di una Croce adorata da due angeli attribuita dalla critica al pittore Ambrogio da Fossano detto il Bergognone e alla sua bottega. Artista che nell'edificio si era occupato, verso la fine del XV secolo, della realizzazione di un'importante campagna decorativa di cui, prima del rinvenimento di queste opere, restavano solo gli affreschi con santi e sante staccati in pi fasi, nella seconda met del XIX secolo, dalle nicchie del transetto e trasferiti successivamente alla Pinacoteca di Brera.

Collocazione

Milano (MI), Chiesa di S. Maria presso S. Satiro

Credits

Compilazione: Barbieri, Alessandro (2016)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).