Viola d'amore

Bisiach, ( Giuseppe ) Leandro sr.

Viola d'amore

Descrizione

Autore: Bisiach, ( Giuseppe ) Leandro sr. (1864 - 1945), esecutore

Ambito culturale: ambito milanese

Cronologia: 1904

Tipologia: strumenti musicali

Materia e tecnica: legno di abete; legno di acero

Misure: 228,5 mm x 741 mm x 39,5 mm

Descrizione: Il fondo bombato in un solo pezzo di acero a taglio tangenziale. Anche le fasce sono in acero. La tavola in due pezzi di abete. La testa in acero, e termina con una testa di putto bendato . I fori armonici sono a forma di fiamma. Il bordo sporgente dalle fasce. Il tassello superiore in abete, tutti gli altri e le controfasce sono in pioppo. Il filetto ha il bianco in acero di 0,5 mm e il nero di un colore molto intenso di 0,3 mm. La vernice di colore rosso bruno. Da alcuni particolari stilistici, come i bordi, possibile intuire l'intervento nel lavoro di Gaetano Sgarabotto, che proprio in quel periodo frequentava il laboratorio di L. Bisiach.
Gallini ci informa che questa viola d'amore stata costruita per incarico di Giacomo Puccini, espressamente per la "prima" dell'opera Madama Butterfly. Al momento lo strumento monta cinque corde sulla tastiera e cinque corde di risonanza che partono da cinque chiodi conficcati nelle fasce inferiori in corrispondenza del tassello. Quasi certamente la viola nata con questo assetto, cio di cinque pi cinque corde, ma stata successivamente trasformata a quattro corde tastabili e con un numero imprecisato di risonanza. Ne sono testimonianza il manico e la tastiera che sono stati visibilmente ristretti.

Collezione: Collezione del Museo degli Strumenti Musicali

Collocazione

Milano (MI), Raccolte Artistiche del Castello Sforzesco. Museo degli Strumenti Musicali

Credits

Compilazione: Bollini, A. (1999)

Aggiornamento: Gatti, Andrea (2001)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).