Ritratto di donna che dorme

Cresseri, Gaetano

Ritratto di donna che dorme

Descrizione

Autore: Cresseri, Gaetano (1870-1933)

Cronologia: post 1890 - ante 1910

Tipologia: pittura

Materia e tecnica: tela/ pittura a olio

Misure: 34 cm x 49 cm

Descrizione: La tela è occupata per tre quarti dal ritratto di una giovane donna a seno scoperto, addormentata con la testa reclinata all'indietro. La nudità è interrotta solo da un piccolo lembo di stoffa bianca calato sotto il seno e da una sottile catenella d'oro che segue la morbidezza del corpo femminile. La pelle diafana funge da "anticamera" al volto con le gote accese e le labbra vive, mentre la linea sinuosa che dalle spalle risale lungo il collo fino alla morbida massa di capelli, traccia il confine tra la figura e il fondo azzurro, steso con larghe pennellate screziate. Il dipinto è firmato in alto a sinistra "G. Cresseri".

Notizie storico-critiche: La critica recente colloca le prove da cavalletto di Cresseri dalla prima giovinezza al 1897-1898, cioè fino al ciclo affrescato nella parrocchiale di Verolanuova (Brescia), considerato fino ad ora il suo primo ampio impegno sui muri. Dal 1898 alla morte il pittore riprende i lavori da cavalletto quasi sempre come una ricreazione dalle vaste campagne murali: nascono così i bouquets di fiori (quasi sempre di rose), i paesaggi, le nature morte e i nudi femminili stanti come questo, il "Nudo femminile con le braccia alzate" realizzato a sanguigna o, per restare sempre in tema di modelle, la "Giovane donna a seno nudo", entrambi conservati in collezione privata a Brescia. Nell'insieme il dipinto rimanda all'ambiguo connubio di sentimenti e sensualità caratteristici dell'idea della donna di inizio secolo, e denota l'adesione da parte del pittore al repertorio liberty e alla cultura simbolista del tempo. La stessa tipologia femminile, partecipe del medesimo gusto fin de siècle, si ritrova nel "Ritratto di donna" realizzato a pastello su carta dal pittore gardesano Angelo Landi (1879-1944) tra il 1904 e il 1905, studio preparatorio per una delle due figure femminili dipinte da quest'ultimo nel 1905 sul soffitto dell'Hotel Laurin a Salò.
La presenza nella collezione di Pietro Malossi di un altro ritratto femminile concordemente attribuito a Cresseri, insieme con altri dipinti da cavalletto di Achille Glisenti, Angelo Landi, Pietro Leidi e Arturo Verni, testimonia l'interesse del collezionista antiquario per la pittura da cavalletto bresciana tra Otto e Novecento.

Collezione: Raccolte d'arte della Casa Museo Pietro Malossi

Collocazione

Ome (BS), Sistema Museale di Valle Trompia. Casa Museo Pietro Malossi

Credits

Compilazione: D'Attoma, Barbara (2014)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)