Vasca davanti alla nicchia del bagno del castello di Austerlitz, sagoma parziale

Martinelli, Domenico

Vasca davanti alla nicchia del bagno del castello di Austerlitz, sagoma parziale

Descrizione

Autore: Martinelli, Domenico (1650-1718)

Cronologia: post 1695 - ante 1702

Tipologia: disegno

Materia e tecnica: carta/ grafite

Misure: 535 mm x 310 mm

Descrizione: disegno eseguito con grafite, a mano libera; tracciato su foglio sagomato di carta scura. Il supporto composto da tre fogli incollati

Notizie storico-critiche: Nella "Spiegazione de numeri" del tomo nel quale era rilegato il disegno viene definito: "Vasca avanti la Nicchia del Bagno".
Il bagno riprodotto anche nel manoscritto di Lucca (Biblioteca Statale di Lucca, ms. 1856, f. 428v).
Nella descrizione del progetto allegata ai disegni inviati da Martinelli a Bitterpfeil dall'Aja, nel 1696 e inserita nel Manoscritto 1856 conservato a Lucca, si parla diffusamente del bagno del castello situato nel sotterraneo, realizzato sotto la sala terrena verso il giardino, in corrispondenza del ponte e con uscita nella fossa, rappresentato in due disegni gi della Collezione Micheletti di Lucca (Domenico Martinelli, 2006, cat. 15, 23) e in un disegno inserito nel manoscritto stesso (Biblioteca Statale di Lucca, ms. 1856, f. 265r, f.266r).
Il bagno doveva essere comodo e nascosto, con "sedilino" in legno e vasca servita di acqua calda e fredda. L'acqua era riscaldata da una "caldana" e l'ambiente da due stufe "polite bianche con poco ornamento ma proprio, come se fossero di marmoro (...)" (Biblioteca Statale di Lucca, ms. 1856, f. 9r e v, f.10r e v).

Collocazione

Milano (MI), Civiche Raccolte Grafiche e Fotografiche. Gabinetto dei Disegni

Credits

Compilazione: Caspani, Licia Anna (2007)

Aggiornamento: Caspani, Licia Anna (2009)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).