Rito ambrosiano

Cappelli Giovanni

Rito ambrosiano

Descrizione

Identificazione: figura antropomorfa

Autore: Cappelli Giovanni (1923/ 1994), autore

Cronologia: 1972

Tipologia: pittura

Materia e tecnica: tempera/ matita su carta

Misure: 36 cm x 44 cm

Descrizione: figura ammantata di nero, con largo copricapo, appoggiata aD una sedia; nulla si vede della sua persona; sfondo rosso

Notizie storico-critiche: Il dipinto appartiene al periodo milanese di Cappelli, che ha inizio con il trasferimento dell'artista nella capitale lombarda nel 1959, dopo un decennio di attivitą trascorso a Roma accanto ai pittori del Portonaccio.
In questo dipinto della collezione Lajolo sono abbastanza evidenti le suggestioni della pittura di Bacon, insieme a Giacometti punto di riferimento di Cappelli nel periodo in cui egli si accosta al gruppo milanese del realismo esistenziale, in particolare a Banchieri, Vaglieri e Ferroni.
Del quadro esiste una versione litografata realizzata precedentemente (1971), tirata in 75 esemplari con fogli firmati e numerati, facente parte della raccolta "Diario interrotto" (Giovanni Cappelli 1974).
Il titolo assegnato alla stampa, in tutto identica al dipinto della collezione Lajolo, fa pensare che il soggetto raffigurato sia quello di una donna con velo nero che prega all'interno di una chiesa, tema gią affrontato dall'artista ai suoi esordi, quando dipingeva la vita della provincia romagnola (De Micheli M. 1974).

Collocazione

Milano (MI), Fondazione Davide Lajolo

Credits

Compilazione: Mattio, Fiorella (2007)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)