RITRATTO DI GIOVAN ANTONIO LUPI CARDINALE DI TARVISIO

ambito lombardo

RITRATTO DI GIOVAN ANTONIO LUPI CARDINALE DI TARVISIO

Descrizione

Ambito culturale: ambito lombardo

Cronologia: 1667

Tipologia: pittura

Materia e tecnica: olio su tela; legno dorato

Misure: 156 x 240

Descrizione: E' raffigurato il religioso a figura intera, in età matura, seduto in ampia poltrona intagliata e ornata con cuoio e borchie con mozzetta e camice di pizzo, con la mano destra benedicente, a sinistra tavolo su cui poggia un campanello, libro e crocifisso, fondo scuro. A destra in alto arma: inquadrato nel 1 e 4 con fasce ondate, nella 2 e 3 con fiore dall'elmo con svolazzi esce corona e cimiero lupo nascente con un giglio nella zampa destra cornice di legno dorato non pertinente.

Notizie storico-critiche: Il ritratto presenta un impianto scenico e una posa convenzionale, dipinto da un anonimo pittore lombardo secondo una consueta tipologia controriformistica "di maniera": posa del religioso, crocefisso sul tavolo, espressione pensosa, ma di "routine" del volto. Non si hanno notizie della famiglia che si distinse nella magistratura, armi scienze e che trasse origine da S. Giovanni Bianco ( BG ) e fortuna dal valore di Detesalvo, nel sec. XV generale delle fanterie venete e che ottenne molti beni confiscati ai ribelli, tra questi il Castello di Cenate già Suardi ( Spreti 1931, p. 179 ), cfr. gli altri ritratti di personaggi dello stesso casato nella collezione donata dalla famiglia Lupi imparentata con i bergamaschi Daina originari della VaI Imagna. In acquisizione è segnalato come dono della famiglia Lupi Daina, i quali avevano regalato questa loro collezione di dipinti ai Morando Bolognini

Collocazione

Sant'Angelo Lodigiano (LO), Museo Morando Bolognini

Credits

Compilazione: Zilocchi, Maria Amelia (1983)

Aggiornamento: Sciandra, V. (2000)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).