Forma sacrale

Salvi, Luigi

Forma sacrale

Descrizione

Identificazione: Forma circolare, con due livelli di cavità all'interno

Autore: Salvi, Luigi (1920), esecutore

Cronologia: post 1988

Tipologia: scultura

Materia e tecnica: bronzo

Misure: 30 x 23 x 29

Notizie storico-critiche: L'opera partecipò al XXXIV° Premio Suzzara (1994), ma non risultò tra le premiate.
Essa è caratterizzata dalla contrapposizione fra una superficie rugosa, che risulta preminente, e una supeficie polita, lucida, che si stende unicamente nei perimetri del tondo frontale e di quello, più piccolo, retrostante. Su questi diversi trattamenti del materiale ha buona resa la luce naturale, che riesce a mettere a fuoco le più picole variazioni dei piani e che valorizza soprattutto i vuoti. Il riferimento più immediato per l'opera sono i totem, dei quali essa possiede la forza evocativa, convogliata dall'impianto strutturale solenne ed austero, che le fa assumere una sottile connotazione mistica. Luigi Salvi è nato a Bergamo nel 1920. Si è dedicato alla pittura fin dall'età giovanile, ma vi si applica con continuità dal 1945. La sua prima mostra personale è del 1970, alla Galleria Cairola di Milanmo. Seguono poi numerose esposizioni personali in città italiane come Firenze, Roma, Verona, Venezia Bologna, Ferrara, e all'estero (Strasburgo, Ginevra, Parigi). Particolarmente intensa è l'attività espositiva degli anni recenti in cui Salvi propone, oltre a tele di grandi dimensioni, anche una serie di opere scultoree realizzate in materiale refrattario e in bronzo, cui si dedica dagli inizi degli anni Ottanta.

Collocazione

Suzzara (MN), Galleria Civica d'Arte Contemporanea

Credits

Compilazione: Montanari, E. (2001)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).