Zuppiera

SocietÓ Ceramica Richard

Zuppiera

Descrizione

Autore: SocietÓ Ceramica Richard (1840/ 1896)

Cronologia: ca. 1900

Tipologia: ceramiche e porcellane

Materia e tecnica: terraglia forte

Misure: 16 x 26 x 12

Descrizione: Zuppiera ovale con piccoli manici a voluta, coperchio con manico apicale a disco; decorazione di tipo orientale in marrone sul piede, sul corpo e sul coperchio, decorato anche all'interno lungo il brodo e sul fondo.

Notizie storico-critiche: La zuppiera (recipiente inv. n. 2405, coperchio n. 2404), Ŕ decorata a stampa sottosmalto. Questo ornato con paesaggio orientale di maniera fu reso celebre da piatti inglesi stampati (mediante torchio calcografico): pagode, giardini, corsi d'acqua, piante e fiori esotici, ponticelli. Il modello e il motivo decorativo "del salice" furono ripresi dalle manifatture italiane della seconda metÓ dell'Ottocento. "Indo cinese" Ŕ il nome con il quale gli Inglesi indicano la porcellana dura cinese che nel XVIII secolo fu prodotta anche in Europa. Le prime manifatture a utilizzare la decorazione a stampa mediante una lastra di metallo incisa furono le francesi e le inglesi; certamente la Wedgwood, la notissima fabbrica di terraglie e porcellane inglesi, fu tra le prime ad ottenere risultati importanti in questa tecnica. La tecnica fu importata in Italia intorno al 1820 e i primi tentativi pare si effettuassero presso ditte napoletane, finchÚ l'allora ditta di ceramica Richard si impadroný del nuovo metodo raggiungendo alti livelli nella fabbrica di San Cristoforo a Milano. All'inizio la S. C. I. di Laveno ricorse alla giÓ qualificata manodopera inglese, in seguito si affid˛ ai validissimi della Richard Ginori (Crippa, Brambilla, Artori).

Collocazione

Laveno-Mombello (VA), MIDeC - Museo Internazionale del Design Ceramico

Credits

Compilazione: Reggiori, Albino (1992); Sangermano, Nesta (1992)

Aggiornamento: Civai, Alessandra (2007)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).