Complesso pavimentale

ambito nord-italico

Complesso pavimentale

Descrizione

Ambito culturale: ambito nord-italico

Luogo di reperimento: Cremona (CR), Italia

Cronologia: post 10 a.C. - ante 10

Tipologia: complesso pavimentale

Materia e tecnica: cocciopesto; marmo colorato; calcare

Misure: 510 cm (Corridoio); 144 cm x 113 cm (Atrio del labirinto); 380 cm (Pavimento in opus segmentatum); 43 cm x 82 cm (Soglia a motivi geometrici); 128 cm x 512 cm (Pavimento in graniglia)

Descrizione: Complesso composto da 5 pavimenti, corrispondenti agli ambienti di una domus. Il primo un corridoio in opus tessellatum, caratterizzato da fasce laterali bianche e nere e da un motivo a crocette di colori alternati, disposte su file parallele. Il secondo un atrio quadrilatero in opus tessellatum: un emblema a tessere policrome, raffigurante Teseo che uccide il Minotauro, posto al centro di un labirinto distinto in quattro settori, attorno al quale si sviluppano, sui 4 lati, mura merlate con torri angolari. Accanto a questo ambiente posta una soglia rettangolare in opus tessellatum bianco e nero, la cui parte centrale occupata da un riquadro recante un fiore a sei petali inscritto in un cerchio. Intorno a questo motivo sono disposte, in modo da risultare incastrate le une con le altre, alcune figure geometriche: losanghe, triangoli, due quadrati con foglia d'edera e due rettangoli con un fascio di fulmini. Il quarto pavimento presenta scaglie di marmi colorati di forme irregolari su sfondo di tessere bianche. Un bordo perimetrale reca una sequenza di lacunari, entro i quali sono inclusi motivi floreali a tessere policrome. L'ultimo pavimento, in graniglia bianca, presenta file parallele di tessere nere a losanga entro doppia cornice nera continua.

Collezione: Collezione del Museo Archeologico San Lorenzo

Collocazione

Cremona (CR), Museo Archeologico San Lorenzo

Credits

Compilazione: Uva, Sabrina (2014)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).